domenica, Maggio 16

Trump deride giornalista paraplegico del NYT: è polemica field_506ffb1d3dbe2

0

Donald Trump sempre sopra le righe. Ma stavolta uno dei favoriti tra i Repubblicani alla Corsa alla Casa Bianca nel 2016 ha davvero esagerato. Durante un comizio in North Carolina, Trump ha deriso il giornalista del New York Times Serge Kovaleski. Niente di eclatante, se non fosse che l’uomo è affetto da artrogiprosi, che porta ad una grave rigidità degli arti. «Dopo l’attacco alle Torri Gemelle, scrisse che gli arabi d’America festeggiarono ma oggi dice di non ricordare bene quell’articolo. Ora, poverino, dice ‘non ricordo’, ‘non sono sicuro’, ‘può darsi che lo abbia detto’», il commento di Trump, mimando le difficoltà motorie del giornalista, tra le risate del pubblico (cosa forse ancor più grave). Ad intervenire ancora una volta lo staff del magnate, che ha cercato di giustificarlo dicendo che «Trump non era a conoscenza della condizione di Kovaleski» e che «non stava prendendo in giro il suo aspetto fisico in nessun modo». Peccato che le immagini dicano altro. Ad intervenire nella vicenda lo stesso giornalista del NYT, che ha confermato che Trump sicuramente si ricorda di lui e della sua condizione, visto che dal 1987 al 1993 lo ha seguito quando era alle prese con diversi scandali finanziari. UN colpo all’immagine di Trump? Difficile, visto che il repubblicano ne ha già combinate diverse. Di sicuro però si può dire: verba volant, video manent. E spetterà agli elettori darne un giudizio.

(Video tratti dai canale Youtube di CNN e Al Jazeera)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->