mercoledì, Settembre 22

Trump: come destituirlo usando il 25° emendamento? La clausola che permette per morte, dimissioni o incapacità di adempiere ai poteri e i doveri della carica il passaggio dei poteri del presidente al vicepresidente

0

I repubblicani non vedono l’ora di destituire Donald Trump? A quanto pare sì, secondo l’ex segretario del Lavoro Robert Reich. «I repubblicani pensano che Trump sia pazzo, incapace e pericoloso», ha scritto Reich sul suo profilo Facebook riferendosi ai suoi compagni di partito, «non vogliono però presentarsi agli elettori senza qualcosa da mostrare e per questo stanno aspettando che venga approvata la riforma delle tasse. Sperano che nel frattempo il presidente non faccia guai molto grossi come una guerra nucleare».

Alcuni consiglieri repubblicani e dello stesso Trump hanno descritto una Casa Bianca in crisi e una vera e propria lotta giornaliera con Trump, che ormai sembra essere più impulsivo che mai. L’impeachment potrebbe dunque essere molto vicino per il presidente degli Usa.

I repubblicani fanno anche riferimento alla possibilità di ricorrere al 25° emendamento della Costituzione degli Usa. Ma di cosa si tratta? E’ una vera e propria clausola che permette per morte, dimissioni o incapacità di adempiere ai poteri e i doveri della carica il passaggio dei poteri del presidente al vicepresidente. Per la decisione, sarebbe sufficiente la maggioranza del 50% +1 dei ministri a favore della rimozione di Trump.

Ma come dimostrare che Trump ha un qualche disturbo mentale o del comportamento? Impresa davvero ardua. Ma intanto a far calare i consensi sul proprio operato ci pensa lo stesso presidente. E c’è chi come Steve Bannon, ex chief strategist e principale autore della vittoria in campagna elettorale del tycoon, pensa che il presidente non chiuderà la legislatura.

(video tratto dal canale Youtube della BBC)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->