giovedì, Ottobre 21

Trump, cambio di rotta nella comunicazione

0

Donald Trump prova a cambiare politica comunicativa. Il motivo principale è il caso Russiagate, gestito davvero male dalla Casa Bianca e dagli assistenti del presidente, così come altre questioni. Per questo è in ballo un rimescolamento delle carte che dovrebbe portare a un maggiore impegno del presidente nei rapporti con i media.

La prima mossa è stata quella di portare alle dimissioni Mike Dubke, direttore dell’apparato comunicativo. Come spiegato in una nota dal capo di gabinetto Reince Priebus, Dubke si è offerto di restare nel suo ruolo fino a quando «la transizione sarà conclusa. Mike assisterà nella transizione e sarà un promotore deciso del presidente e delle politiche del presidente andando avanti».

L’altra novità di giornata: il portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer, dovrebbe conservare il posto ma tenere meno briefing on-camera, mentre Trump dovrebbe rispondere direttamente in modo più frequente ai media. Il presidente sarebbe intenzionato anche a portare nuovi collaboratori alla Casa Bianca, esperti di politica tra cui il suo ex campaign manager Corey Lewandowski.

(video tratto dal canale youtube della CNN)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->