domenica, Ottobre 17

Trump attacca la Russia, aspettando il faccia a faccia con Putin

0

E’ un Donald Trump come un fiume in piena quello che a Varsavia, alla vigilia del G20, torna a lanciarsi contro la Russia: «Ha un comportamento destabilizzante, noi sapremo risponderle», ha detto il presidente degli Stati Uniti, che ha colto l’occasione della visita in Polonia non solo per rinsaldare i rapporti col governo nazionalconservatore, ma anche per lanciare segnali precisi a poche ore dal vertice dei leader delle venti maggiori economie mondiali.

E qui incontrerà proprio Vladimir Putin per quello che sarà il loro faccia a faccia. Ma Trump ne ha avuto ancora per Mosca: «La Russia, come altri paesi, è ben probabile che si sia immischiata nelle nostre elezioni». Poi, tentando di difendere la Polonia, maggior alleato Nato, ha ribadito: «La Polonia non deve mai più essere ostaggio di un unico fornitore di energia e gli Stati Uniti si impegneranno per questo», riferendosi implicitamente proprio alla Russia.

Immediata la replica dal Cremlino: «Siamo in disaccordo con un simile approccio», ha detto Dmitry Peskov, «siamo dispiaciuti per la mancanza di comprensione tra la Russia e gli Stati Uniti sulle aspettative per le loro future relazioni. Ma aspettiamo la prima riunione dei due presidenti, che saranno in grado di scambiare personalmente i loro pensieri sui temi più attuali e, cosa più importante, questa sarà un’opportunità per conoscere e capire il vero approccio reciproco delle relazioni bilaterali, non quello trasmesso da mass media».

(video tratto dal canale Youtube della CNN)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->