giovedì, Agosto 5

Trivellazioni alle Tremiti field_506ffbaa4a8d4

0

Al bar di Mario il geometra Zenone sfoglia il quotidiano davanti a un bel caffè brunito.

Ma quindi queste trivellazioni”, dice “le fanno o no alle Tremiti?”.
Indicono un referendum”, abbozza l’Assessore alle Politiche Giovanili Abbozzo “Quindi sì. In un modo o nell’altro aggireranno le leggi e faranno i loro sporchi, piccoli interessi”.
Sifonate!” replica Pistozzi, tesserato premium della Lega Nord, di ritorno da un colloquio di lavoro con la Petrolceltic. Trapanare la Puglia con un’azienda irlandese. Se poi si andasse anche a triturare in Africa non avrebbe più niente da chiedere a Dio Barbarossa . “Altro che interessi di pochi! Tutelando inutili litri di acqua salata ci priviamo di una fonte di ricchezza naturale, lasciandola a chi? A chi un giorno ce la pagherà per poche briciole, visto la nostra inettitudine affaristica!”.
Ma veramente già ora lascerebbero estrarre il petrolio a poco meno di 2.000 euro annui…”, obietta il giovane Acido, rapper corrosivo di periferia.
E come vorresti farglielo fare, gratis?”, fa Pistozzi “E poi sono fratelli nordici, perché cavarci il sangue tra di noi? Avete rotto con questi hippismi radical chic! Prima i No Tav, mò i No Triv, e basta su!”.

Richtig, schwanz!”, conferma il fantasma di Otto Von Bismarck che aleggia sopra i loro capi “Questa gente capire solo linguaggio di napalm!Eppure tutto mondo sa che combustibile fossile è unica risorsa per usare autoveicoli moderni come potente Benz Velo!”.

Plaude ironicamente l’ateo apolitico atarassico Arturo, agitando ostentatamente la sua copia de ‘Il Fatto Quotidiano’. Non lo legge mai, ma in cucina ha notato che se lo usa come mestolo per girare una semplice pasta e fagioli questa si trasforma in una leccornia da gourmet.
E allora ditelo che non avete la più pallida di che cosa state parlando! Ma lo sapete che il fronte dei contrari è compatto, dalla Puglia al Veneto? ”.
No!”, ruggisce Tano il meccanico “Avevo già comprato una pompa di benzina galleggiante in laguna, io!”, e scappa via, telefonando al suo pusher di fiducia per disdire l’ordine di idrocarburi previsto per l’estate.

Lo sapete almeno di cosa parla l’unico quesito ammesso per il referendum dalla Corte Costituzionale?”.
Della remota possibilità di affidarsi sensatamente alle rinnovabili, magari?”, prova l’ambientalista Pozzi.
Della scelta del colore delle piattaforme?”, ride, e lo fa solo lui, il provetto comico Sciagura.

Lo sapevi che ho brevettato una moka che va a metano?”, chiede il vecchietto col bianchino a Mario il barista.

Negher!”, sbotta Pistozzi, pigiando sul bancone e facendo schizzare per aria del greggio, una limonata e il bianchino del vecchietto da bar che, per il dolore, schiatta sul colpo “La colpa è sempre e solo dei negher!”.

L’ovvia conseguenza è un’esplosione subitanea di eventi catastrofici: operai con scalpelli triconi abbattono la porta del bar e cominciano a perforare ogni cosa: il bancone, la spina delle birre, il cadavere del vecchietto. Schizzi di petrolio cominciano a stillare come lacrime dalla Madonna di Siracusa e Pistozzi prova ad approfittarne estraendo dodici taniche dalla giacca a vento. Subito viene cosparso di bitume da attivisti di Greenpeace che per protesta si denudano e cominciano a far l’amore dentro il bar. Il vecchietto miracolosamente resuscita e guarda tutto con attenzione. Un operaio, stanco per il doppio turno, decide di fare una pausa e si accende una sigaretta. Esplode tutto, ad eccezione del tavolo in fondo al bar, dove sta Tarocco il cartomante. Nel silenzio generale estrae una sigaretta e l’accende.

E che si fotta Sirchia”, mugugna suggendo come se non vi fosse domani.

Tutt’attorno solo caos e distruzione.

Il geometra Zenone nel frattempo è arrivato tranquillo in fondo al quotidiano, nella sezione dei programmi televisivi.
Per fortuna stasera danno ‘Quattro Ristoranti’ con Alessandro Borghese’”, dice finendo di sorseggiare il suo caffè.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->