lunedì, Agosto 8

Tribalismo politico in Kazakistan: il segreto di Pulcinella I clan al potere hanno così rafforzato le proprie posizioni di comando nel sistema dell'amministrazione statale durante il periodo post-sovietico che ora non c'è quasi nessuna possibilità di sfidarli

0

Il confronto de facto tra Russia, USA ed Europa tende sempre più ad estendere le proprie attività al bacino del Caspio, dove si trova la regione più occidentale del Kazakistan. Dal punto di vista degli interessi di queste due parti, c’è una situazione ambivalente in questa parte del paese dell’Asia centrale. I più grandi giacimenti petroliferi del Kazakistan sono stati e sono tuttora sviluppati principalmente da società statunitensi e occidentali. Devono esportare idrocarburi petroliferi estratti lì tramite oleodotti attraverso il territorio della Federazione Russa. In generale, entrambe le parti sembrano non essere del tutto soddisfatte di questo tipo di divisione delle sfere dei loro interessi.

L’Occidente ha cercato a lungo di creare il sistema di trasporto petrolifero transcaspico allo scopo di portare gli idrocarburi direttamente dai giacimenti del Caspio ai mercati europei. L’idea del progetto è di fornire le esportazioni di petrolio kazako attraverso un gasdotto sottomarino transcaspico al terminal di Sangachal con una capacità annua di 20.000.000 di tonnellate situato a 40 km a sud di Baku, dove si collegherebbe con l’oleodotto Baku-Tbilisi-Ceyhan per La costa mediterranea della Turchia e l’oleodotto Baku-Supsa fino alla costa del Mar Nero. Tuttavia, il sistema di trasporto petrolifero transcaspico continua a non essere altro che un semplice esercizio cartaceo poiché Russia e Iran non smettono di fare del loro meglio per impedire la costruzione dell’oleodotto sottomarino, citando problemi ambientali e sostenendo che la costruzione di alcuni le infrastrutture necessitano del consenso di tutti e cinque i paesi litoranei.

Quanto alla Russia, il suo non essere completamente soddisfatto della situazione di cui sopra ha le sue spiegazioni. Mosca, consapevole di quanti sforzi e denaro aveva investito in epoca sovietica per creare e consolidare le basi per il complesso di combustibili ed energia del Kazakistan occidentale che si credeva alla fine avrebbe sostituito il complesso petrolifero e di gas della Siberia occidentale, e attualmente si vede come il principale garante esterno della pace e della stabilità in questo paese dell’Asia centrale, difficilmente si accontenterebbe del sistema esistente di distribuzione della ricchezza generato dallo sfruttamento delle risorse in quella regione kazaka. All’interno del suo precedente rapporto con l’Occidente nel contesto kazako, il Cremlino non aveva buone ragioni per cercare un cambiamento in quelle pratiche consolidate. Le ragioni di questo genere sembrano già apparse all’orizzonte.

È ridicolo pensare che se gli Stati Uniti si impegnassero a “frenare il peso di Mosca nel suo vicino altamente dipendente e ricco di petrolio”, quest’ultimo si limiterebbe a una mera risposta verbale e non inizierebbe, a sua volta, ad attuare misure per creare problemi per le società energetiche occidentali che lavorano in Kazakistan che potrebbero diventare intrattabili. Aziende come Chevron ed ExxonMobil potrebbero avere seri problemi anche prima che Washington facesse qualcosa nel contesto di cui sopra. Ciò può accadere a loro semplicemente a causa degli sviluppi in Ucraina. La seguente previsione di Nina Khrushcheva, professoressa di affari internazionali alla New School di New York, fatta in un’intervista rilasciata a gennaio a Democracy Now, dà un’idea abbastanza chiara di cosa potrebbero essere: “se Putin ha una politica ed economica in Kazakistan, allora sarebbe infinitamente difficile per loro [compagnie petrolifere statunitensi, come Chevron ed ExxonMobil]funzionare e non tener conto della Russia”.

I giorni travagliati dei disordini di gennaio in Kazakistan sono stati lasciati alle spalle. Ma ora c’è una guerra in Ucraina. E sullo sfondo, le relazioni tra Russia e Occidente sono peggiorate ancora di più di quanto non fossero durante e subito dopo gli eventi di gennaio del 2022 in tutto il paese dell’Asia centrale. Quindi, è molto importante ora che ciascuna di queste forze minacci l’influenza del suo avversario in Kazakistan e attiri l’orientamento politico di questa nazione dalla sua parte. In termini molto semplici, per quanto riguarda Nur-Sultan ora non hanno e apparentemente non dovrebbero avere un compito più urgente in relazione l’uno con l’altro di quello.

Anche fino ad ora l’attuale leadership kazaka è stata corteggiata sia in Occidente che a Mosca, poiché resta da vedere chi penderebbe dalla bilancia a proprio favore. Lo si capisce dal modo in cui alcuni dei maggiori giornali americani hanno scritto delle riforme e dei cambiamenti costituzionali annunciati dal presidente kazako, Kassym-Jomart Tokayev, come un “Nuovo Kazakistan”. Uno degli articoli su questo argomento afferma che “il Kazakistan fa un passo verso la democrazia” e “il referendum del paese [sulla riforma costituzionale]contrasta la rinascita autoritaria globale e merita il sostegno occidentale”, mentre osservatori kazaki intervistati da un corrispondente di Radio Azattyk, il servizio kazako di Radio Liberty (che è un’organizzazione finanziata dal governo degli Stati Uniti), descrive quel referendum come “una procedura di voto volta ad affermare il governo autoritario di Tokayev” e vede quei cambiamenti costituzionali come una sorta di “mito del villaggio di Potemkin”. Per quanto riguarda Mosca, ovviamente andrà bene con l’autocrazia in Kazakistan purché quest’ultimo non diventi troppo filo-occidentale.

Sembrerebbe, le cose sono tranquille per il momento. Ma sembra il tipo di silenzio che viene prima di una tempesta poiché il problema principale ora è che uno scontro sempre crescente tra interessi russi e occidentali nel contesto kazako minaccia di rendere (se non già facendo) la situazione nella repubblica sempre più vulnerabili all’instabilità sociale e politica. Non sembra esserci alcuna possibilità di trovare una base per un consenso tra Russia e Occidente in questa parte dell’area post-sovietica.

Pertanto, ora possono ricorrere a tali misure in Kazakistan, che in precedenza, in diverse occasioni, erano state indicate, ma non utilizzate né dai russi né dai loro confronti occidentali in modo sostenuto. Nel tentativo di comprendere cosa accadrà ulteriormente nel contesto della crescente rivalità russo-occidentale sul Kazakistan, è ovviamente necessario che gli osservatori comprendano qual è il mezzo con cui una o un’altra forza esterna potrebbe dividere radicalmente l’opinione pubblica e politica kazaka e, allo stesso tempo, screditare il potere dominante del paese in quanto autorità centrale imparziale. Sembrerebbe che non ci siano grossi problemi.

Nei media russi, tale tecnica nell’esecuzione degli agenti occidentali è stata presentata come segue: l’Ucraina è stata dichiarata “parte integrante dell’Europa e della sua civiltà”, mentre il Kazakistan, una parte molto importante del “Grande Turan” è formato dalla Turchia. Di conseguenza, i fautori del mondo russo e/o dell’eurasianismo post-sovietico apparentemente dovrebbero essere o si presume siano oppositori delle idee europee e panturiane in queste due repubbliche post-sovietiche. In realtà, non è così semplice come sembra, almeno nel caso del Kazakistan. È vero che ci sono abbastanza sostenitori del “mondo russo” e/o dell'”eurasiatismo post-sovietico” in Kazakistan, così come in Ucraina. Mentre coloro che, nelle parole di EADaily, ‘hanno grande fiducia nell’idea del ‘Grande Turan’ data alla società kazaka dagli inglesi attraverso i turchi’, sono pochissimi sul suolo kazako, a differenza dei fan del ‘ Un’idea europea in Ucraina. E dobbiamo presumere che quelli in Russia e in Occidente che determinano le politiche dei loro governi riguardo al Kazakistan ne siano ben consapevoli. Su questa base, si potrebbe interpretare che potrebbero prendere in considerazione l’utilizzo di qualcosa di completamente diverso come strumento per dividere radicalmente l’opinione pubblica nel paese dell’Asia centrale, se tale necessità si presentasse. La domanda allora è cosa potrebbe essere esattamente?

La risposta a questo sta, come ci sembra, nello svelare le questioni che circondano i seguenti due temi paradossali: 1. Perché esperti russi e turchi durante i giorni degli eventi di gennaio e subito dopo hanno iniziato a dire che ‘si scopre che negli ultimi cento anni il Kazakistan è stato governato dagli zhuz Senior, o meridionali, e questo non è qualcosa con cui tutti nella repubblica si sentono a proprio agio”, e che “l’oligarchia kazaka è collegata alle unioni tribali”, in particolare “con la Senior zuz?’; 2. Perché l’Occidente non ha imposto sanzioni al Kazakistan dopo il Sanguinoso Gennaio del 2022, così come in seguito agli eventi di dicembre del 2011? Consideriamoli.

Inizieremo con il primo. Qui, prima di procedere a considerare l’argomento è necessario fare qualche divagazione. La specificità delle norme nella tradizione politica centroasiatica che risale a migliaia di anni fa al passato nomade, è tale che per almeno mille anni i governanti sono saliti al potere e lo hanno mantenuto (in ogni caso all’inizio) facendo affidamento principalmente sulle loro tribù.

Questo fu il caso nel X secolo, quando la tribù Kayi, un popolo turco Oghuz e un ramo secondario della federazione tribale Bozok, fondò l’impero Ghaznavid, che arrivò a comprendere l’Afghanistan, l’Iran e il Punjab. Questo avvenne anche nell’XI secolo, quando i rappresentanti della tribù Qynyq, un ramo dei turchi Oghuz, fondarono l’Impero Selgiuchide, che, al momento della sua massima estensione, controllava una vasta area, che si estendeva dall’Anatolia occidentale e dal Levante a ovest fino all’Hindu Kush a est e dall’Asia centrale a nord al Golfo Persico a sud. Nella regione dell’Asia centrale, la tradizione politica di prendere e mantenere il potere affidandosi a un certo gruppo tribale è rimasta in vigore fino alla seconda metà del XIX secolo nel Kokand Khanate (fondato dalla dinastia della tribù Ming) e fino all’inizio del 20° secolo nell’Emirato di Bukhara (che era governato dalla dinastia della tribù Mangit) e nel Khiva Khanate (che era sotto il governo della dinastia della tribù Konyrat).

Con l’avvento del potere sovietico quel tipo di pratica fu interrotta. Ma la nuova generazione di uomini forti in un certo senso l’ha ripresa in Asia centrale dopo il crollo dell’URSS. Nel periodo post-sovietico, apparentemente non ci sono stati ostacoli particolari alla ripresa della tradizione politica dell’Asia centrale di ottenere e mantenere il potere facendo affidamento su un determinato gruppo tribale, poiché il lasso di tempo si è rivelato molto breve per gli standard storici. Comunque, c’è una forte impressione che ci sia stato un nuovo inizio in Kirghizistan, Turkmenistan e Kazakistan. Se si presta attenzione ai risultati presumibilmente legati alla sua rinascita in queste tre repubbliche, si può vedere quanto segue.

Il Turkmenistan e il Kazakistan sono entrati in un periodo di indipendenza dello stato sotto il governo dei leader dei rispettivi partiti comunisti repubblicani nominati e approvati dal Cremlino. Sotto le mutate condizioni politiche e sociali, quei capi delle organizzazioni locali del partito comunista divennero presidenti. E i clan, di cui sono rappresentanti, hanno invariabilmente tenuto il potere in questi due stati dell’Asia centrale in tutti questi anni. Il primo di questi è stato ed è guidato dalle élite della tribù Teke, il secondo da quelle del Senior (meridionale) zhuz.

In Kirghizistan, poco prima del crollo dell’Unione Sovietica esisteva un doppio potere rappresentato dal primo presidente democraticamente eletto, Askar Akayev, e dagli ultimi due leader del Partito Comunista Repubblicano, Absamat Masaliyev e Dzhumgalbek Amanbayev, nominati e approvati dal Cremlino . Ed è forse questo il motivo per cui il Kirghizistan non aveva una situazione in cui un certo gruppo di clan avrebbe potuto assicurarsi il monopolio del potere. Comunque sia, in quel paese dell’Asia centrale, a differenza del Turkmenistan e del Kazakistan, non c’è una chiara predominanza di una comunità di gruppo tradizionale su tutte le altre. Questo è il motivo per cui si può ritenere che la rivalità per il controllo del potere in Kirghizistan possa essere a volte piuttosto feroce e intensa. Mentre in Turkmenistan e Kazakistan i gruppi di clan al potere hanno radunato così fortemente le loro forze e rafforzato le proprie posizioni di comando nel sistema dell’amministrazione statale durante il periodo post-sovietico che ora non c’è quasi nessuna possibilità di sfidarli.

E la cosa interessante è che c’è una notevole differenza tra il livello nazionale e internazionale di consapevolezza pubblica delle questioni del tribalismo nella vita sociale e statale del Turkmenistan e del Kirghizistan, da un lato, e in quella del Kazakistan, dall’altro . Sia turkmeno che kirghiso, e autori stranieri hanno parlato e scritto molto sul fatto che il tribalismo politico è fondamentale per il processo politico interno nelle prime due repubbliche. Puoi trovare molti non solo articoli giornalistici, ma anche articoli di ricerca piuttosto seri su questi argomenti scritti da autori locali e stranieri (russi o occidentali). Il tema del tribalismo politico in Kazakistan è tutt’altra questione.

Sembra che questo tipo di problema non sia grave per il sistema di governo della Repubblica del Kazakistan. Nello stesso Kazakistan è per lo più descritto come un anacronismo, come un fenomeno che ha perso il suo significato pratico o è addirittura estraneo alla natura del popolo kazako. Anche nei casi in cui i singoli autori avviano conversazioni serie su quell’argomento, non passano dal ragionamento generale ai casi di studio.

In Russia e in Occidente, un argomento del genere è normalmente trattato molto raramente e principalmente sulla base di una vaga idea di ciò che sta accadendo lì (in Kazakistan) in questo contesto. Quello è strano. Ma la cosa più strana – per non dire altro – è che in quei giorni, quando Nur-Sultan si trovava in una situazione di incertezza a breve termine a causa degli eventi di gennaio, i media di Russia e Turchia (questo paese è solitamente descritto nel La stampa russa come ‘un’estensione degli interessi globali della NATO e delle corporazioni dietro di essa’) ha iniziato a parlare all’unisono del tribalismo politico in Kazakistan. E così facendo, i loro autori rilevanti hanno mostrato – con nostra sorpresa – un’ottima conoscenza della questione, evidenziando i “punti più dolenti” della pratica di cui sopra e mettendo alcuni gruppi di kazaki contro altri. Quindi ecco alcuni esempi: 1. “Il Kazakistan è governato principalmente da rappresentanti del Senior zhuz, metà dei capi d’élite sono persone” tra i suoi rappresentanti, “compresi sia Nazarbayev che il presidente in carica, Tokayev”. 2. “Naiman che hanno poca fiducia nel Senior Zhuz”. 3. “Il paese è comandato dal Senior Zhuz, mentre la gente del Junior zhuz sta lavorando” e “i loro leader credono che questo sia ingiusto, perché petrolio e gas sono nella loro terra tradizionale, mentre la gente di Alma-Ata è al comando”. 4. “La particolarità” dell’oligarchia in Kazakistan “sta nel fatto che è collegata alle unioni tribali”. 5. “Lo studio degli zhuze solleva una domanda logica: perché solo i “meridionali” sono al potere?”.

In realtà, l’indizio delle stranezze di cui sopra, come puoi immaginare, si trova in superficie. In Occidente e, soprattutto, in Russia, c’è effettivamente una sufficiente consapevolezza della pratica del tribalismo politico in Kazakistan. Ma in entrambi i casi, l’argomento rilevante viene normalmente considerato superficialmente o semplicemente relegato al secondo posto. E i suddetti media stranieri sono soliti iniziare a prestare grande attenzione a tale questione e discuterne in modo completo, con il coinvolgimento di un’ampia gamma di esperti, nei casi in cui le autorità kazake sembrano trovarsi, per così dire, in una situazione di incertezza. Non appena il Nur-Sultan ufficiale riesce a ristabilire rapporti basati sulla fiducia con i principali attori esterni, quel tema cessa di essere rilevante.

Ora parliamo del secondo degli argomenti di cui sopra. Allora, perché l’Occidente non ha imposto sanzioni al Kazakistan dopo il Sanguinoso Gennaio del 2022, così come dopo gli eventi di dicembre del 2011? Dopo la simile rivolta di Andijan del 2005, l’Unione Europea e il Congresso degli Stati Uniti hanno effettivamente imposto sanzioni contro l’Uzbekistan. Si tratta di due eventi simili. Di conseguenza, sono state imposte sanzioni all’Uzbekistan, ma non al Kazakistan. Come si potrebbe spiegare un approccio così selettivo? Anche la risposta a questa domanda sta in superficie. Il clan dominante kazako o le élite degli zhuz Senior (del sud) hanno agito per decenni come garante dell’inviolabilità dei termini dei contratti con le multinazionali occidentali per lo sviluppo dei maggiori giacimenti di idrocarburi del Kazakistan. Il business del petrolio e del gas è una questione troppo seria per essere lasciata a persone a caso.

 

 

 

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

Akhas Tazhutov è analista politico residente in Kazakistan.

End Comment -->