sabato, Maggio 15

Coradia iLint, il treno a idrogeno made in Germany

0

Un treno a zero emissioni e silenzioso è possibile? Ebbene sì e il primo prototipo arriva dalla Germania. Si tratta del Coradia iLint, prodotto dalla Alstom. Il primo test è stato effettuato qualche giorno fa a Saltzgitter, nel Nord del Paese. A vederlo da fuori non c’è alcuna differenza rispetto ai normali treni, ma è il suo interno ad essere completamente diverso: si tratta infatti di un treno a idrogeno e come accade con le auto elettriche non c’è alcun rumore.

Nei prossimi mesi verranno effettuati altri test sia sulle ferrovie tedesche che su quelle della Repubblica Ceca, per poi puntare a far diventare operativo il Coradia iLint entro il 2018, sulla linea tedesca Buxtehude–Bremervörde–Bremerhaven–Cuxhaven.

Dalla Alstom fanno sapere che questi primi ‘vagiti’ sono serviti per «confermare la stabilità del sistema di alimentazione, sulla base dell’interazione coordinata fra trazione, cella a combustibile e batteria del veicolo». E se anche i prossimi test andranno bene, la svolta sarebbe davvero vicina, con l’addio ai treni diesel attualmente in produzione. SI parla di almeno 60 treni per la rete ferroviaria tedesca.

Sul circuito di prova è stato possibile raggiungere solamente la velocità di 80 chilometri orari, ma si parla di punte di velocità intorno ai 140 chilometri orari. Per quanto riguarda invece l’autonomia, il treno a idrogeno è dotato di un serbatoio in grado di garantire almeno 800 chilometri. Il tutto anche grazie alle batterie al litio in dotazione al mezzo, le quali hanno la funzione di immagazzinare l’energia elettrica non immediatamente utilizzata, per poi rilasciarla al momento del bisogno.

(video tratto dal canale Youtube di Business Insider)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->