giovedì, Aprile 22

Tram su strada: ecco l’idea della Cina per un trasporto più ‘green’ L'ART è stato presentato lo scorso giugno e il veicolo ha iniziato in questi giorni i test stradali a Zhuzhou nella provincia di Hunan

0

Una mobilità sempre più green. E’ l’obiettivo di tanti scienziati e società. E la Cina, in questo campo, sembra essere tra le prime al mondo. Sono allo studio da anni soluzioni per il trasporto pubblico a emissioni zero, per provare a ridurre drasticamente quello smog che attanaglia le grandi metropoli cinesi.

L’ultima idea arriva dalla CRRC Corporation (fra le principali aziende produttrici di treni della Repubblica Popolare) e si chiama ART, acronimo di Autonomous Rail Rapid Transit. La forma è quella di un tram, ma non corre su tradizionali binari ma su ruote, seguendo delle rotaie virtuali mentre i suoi motori elettrici sono alimentati a batteria. Questi ultimi permettono a questo insolito tram di trasportare fino a 300 persone a una velocità massima di 70 km/h.

L’ART è stato presentato lo scorso giugno e il veicolo ha iniziato in questi giorni i test stradali in Cina, in particolare a Zhuzhou nella provincia di Hunan. C’è ancora da migliorare qualcosa, a partire dall’autonomia, di soli 25km. Ma le batterie si caricano in meno di 10 minuti. Inoltre sfrutta la tecnologia per ‘leggere’ delle speciali linee sull’asfalto. Insomma una sorta di auto-guida, che sempre più si svilupperà in futuro. A crederci molto su questo mezzo è la Cina, che spera presto di vederli su strada. Ma c’è chi commette che, in caso di test positivi, possano arrivare in Europa nel giro di pochi anni.

(video tratto dal canale Youtube di IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->