sabato, Novembre 27

Trading online: aumentano le truffe, ecco come riconoscerle per investire senza rischi Una serie di passaggi per tutelarsi e per poter continuare ad investire in sicurezza

0

Purtroppo, gli ultimi numeri relativi alle truffe organizzate a danni di appassionati di trading online sono tutt’altro che incoraggianti. Secondo dati riportati da migliorbrokerforex.net, nel 2020, le attività illecite nel trading sono cresciute del 280%: una percentuale semplicemente impressionante che sembra per altro destinata a mantenersi anche nel corso del 2021 e del 2022. Si considerino poi tutti quegli episodi che magari non possono venire definiti ‘truffe’, ma che comunque rientrano nel mondo dell’informazione scorretta: è il caso, ad esempio, di tutti quei portali che parlano degli investimenti digitali come di una specie di ambiente miracoloso, in cui chiunque ha la possibilità di arricchirsi senza sforzo, senza rischi e a tempo di record.

Ovviamente un racconto di questo genere è da considerarsi pericoloso esattamente quanto una truffa ed è anche per questo che la Consob ha deciso di intervenire in maniera forte, per provare a cambiare una situazione divenuta insostenibile. Per fortuna però gli utenti possono seguire tutta una serie di passaggi per tutelarsi per imparare a riconoscere le truffe e per potere continuare ad investire in sicurezza.

Innanzitutto è opportuno informarsi e restare sempre aggiornati, affidandosi a professionisti del settore che offrono consigli e suggerimenti per aiutare il trader a limitare eventuali rischi. Il web in tal senso mette a disposizione delle valide risorse come il forum nazionale sulle truffe trading dove è possibile leggere le segnalazioni degli utenti, in modo da evitare spiacevoli imprevisti.

Come difendersi dalle truffe

Dopodiché, esistono una serie di attenzioni, di abitudini e di comportamenti che possono ridurre in maniera esponenziale il rischio di cadere in una truffa. Si tratta soprattutto di consigli di buon senso, che spingono i trader e gli aspiranti tali a leggere criticamente le informazioni che trovano all’interno di questo o quel sito. L’importante è partire da alcuni fondamentali: uno su tutti, che il trading online è una materia complessa, che necessita di studio e di un periodo di pratica per potere venire attuata in maniera razionale.

Ecco dunque spiegato come mai i vari siti che promettono guadagni sensazionali senza fatica vadano considerati per lo meno inaffidabili: non è detto che chiunque diffonda false speranze sia realmente intenzionato a truffare i suoi utenti, ma evitare un certo tipo di promesse irrealizzabili è un ottimo metodo per tenersi alla larga da eventuali situazioni pericolose.

Spesso infatti certi siti utilizzano una comunicazione esageratamente ottimista per sottrarre dati sensibili ai loro utenti: potrebbe trattarsi di un semplice indirizzo email, per fini di phishing, come, purtroppo, potrebbe trattarsi di un numero di carta di credito, da utilizzare per vere e proprie rapine. Lo stesso discorso può valere per quelle piattaforme che propongano soluzioni e/o piani universalmente validi: nel trading online infatti ogni strategia è figlia di una conoscenza più che approfondita del proprio profilo di investimento. In altre parole, non esistono tecniche perfette per tutti i budget, tutti gli obiettivi e tutti gli orizzonti temporali.

Occhio alle licenze

C’è poi un altro aspetto che permette di fare una scrematura immediata tra siti più o meno affidabili. Una piattaforma affidabile infatti, oltre a comunicare in maniera trasparente, è dotata di licenze che attestino la sua aderenza alle principali normative e alle principali leggi nazionali ed internazionali. Un broker o una trading app con una o più licenze è dunque sicuramente più affidabile rispetto ad un equivalente che ne sia sprovvisto.

In questo momento, due tra le licenze maggiormente diffuse a livello di trading online sono la licenza CONSOB e la licenza CySEC: la prima ha valenza all’interno del territorio italiano, mentre la seconda permette al broker di operare dentro il territorio di tutta l’Unione Europea. Per l’utente questo genere di licenze può essere letto come una vera e propria garanzia, tanto di qualità quanto di sicurezza: ove presenti, queste licenze mettono dunque il trader nella condizione investire il proprio denaro senza paure o timori di sorta.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->