lunedì, Settembre 20

Toyota e la macchina volante: obiettivo Tokyo 2020

0

L’auto volante è l’obiettivo ormai di tante aziende, da Uber ad AeroMobil, fino ad arrivare ad Aerobus. Ma tra le case automobilistiche in testa c’è la Toyota. Sabato 3 giugno è stato mostrato pubblicamente il prototipo sviluppato dalla compagnia giapponese, che dovrebbe essere terminato in tempo per le prossime olimpiadi di Tokyo 2020.

Questa Sky Drive per ora però non funziona nella maniera dovuta: infatti si è alzata di qualche metro per poi cadere a terra. Il prototipo consiste in quattro eliche che sostengono il corpo macchina, attualmente formato da un insieme di batterie e sensori della grandezza simile a una piccola auto. L’auto definitiva misurerà circa 3 metri per 1,3 con un drone per guidare il movimento e potrà portare una persona alla volta. La velocità massima sarà di  100kmh e potrà volare a 10 metri da terra.

Il progetto di Toyota è partito insieme a Cartivator, un gruppo di dipendenti dell’azienda e volontari appassionati di ingegneria, con base a Tokyo. Per produrre questa auto volante sono stati stanziati 40 milioni di Yen (circa 350mila dollari) dal 2015 ad oggi. E dalla Toyota e da tutto il gruppo di lavoro assicurano: «Sarà il veicolo più piccolo utilizzabile per spostarsi nel futuro». Ma c’è da correre, perché l’Olimpiade si avvicina e la Toyota non può fare figuracce, visto che è uno dei mani sponsor dell’evento.

(video tratto dal canale Youtube di Business Insider)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->