venerdì, Ottobre 22

Torna Italia dei Valori. E Conte – Grillo? L’operazione punta ai delusi del Movimento Cinque Stelle che tra i parlamentari sono molti. E poi l’ex Premier potrebbe avere bisogno di un simbolo al Senato per formare un gruppo ed accedere ai relativi finanziamenti

0

Italia dei Valori torna in Parlamento. Il partito fondato da Antonio Di Pietro, magistrato simbolo di Mani Pulite, formerà dei gruppi parlamentari alla Camera e al Senato.

Oggi è prevista la conferenza stampa al Senato (diretta Radio Radicale) in cui il presidente Ignazio Messina illustrerà le linee guida dell’agire del ‘nuovo’ partito del gabbiano.

I lavori preparatori si sono svolti nello studio romano in Prati dell’avvocato Sergio Scicchitano da sempre l’avvocato di Di Pietro e del partito.

Anche lo Statuto è stato rivisto per adeguarlo ai mutati tempi e comunque conterrà esplicitamente il tema della legalità –da sempre la bandiera del partito- e la lotta alle mafie.

Antonio Di Pietro, che è attualmente convalescente, ha dato il benestare e, pur non essendo fisicamente presente, invierà un messaggio di saluti. L’operazione punta ai delusi del Movimento Cinque Stelle che tra i parlamentari sono molti.

Si ripartirà quindi dall’ex Ministro della Difesa Elisabetta Trenta, dalla testimone di Giustizia Piera Aiello e dal senatore Elio Lannutti.

La prossima settimana potrebbero anche esserci altre novità con la presentazione del partito per le amministrative di Roma che si terranno il prossimo autunno. Mossa che metterebbe in ulteriore difficoltà il Movimento e Virginia Raggi visto che l’elettorato è lo stesso.

In tutto questo si inserisce la vicenda Conte che potrebbe avere bisogno di un simbolo al Senato (alla Camera la legge è diversa) per formare un gruppo ed accedere ai relativi finanziamenti.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

Giornalista professionista e scrittore. Laureato in Fisica. E’ stato anche deputato della Repubblica.

End Comment -->