venerdì, Luglio 30

Tombola e bingo, tutte le varianti e le maggiori differenze Di fatto le modalità di gioco sono le stesse. Piuttosto, sono i premi a differire

0

La tombola e bingo sono noti per essere due giochi praticamente identici. Sarebbe alquanto complicato trovare infatti delle differenze notevoli tra due dei principali passatempi casalinghi delle festività. Entrambi i giochi, infatti, si basano su una sorta di lotteria legata a un tabellone con 90 numeri. I singoli giocatori hanno a disposizione una o più cartelle che presentano una quindicina di numeri sparsi. A vincere è chi si ritrova il maggior numero dei numeri enunciati sul tabellone sulla propria cartella. Chi marca tutti i numeri di una cartella effettua la tombola o il bingo, a secondo del gioco che si sta praticando. Di fatto, quindi, le modalità di gioco sono le stesse. Piuttosto, sono i premi a differire tra la tombola e il bingo.

Mentre nella tombola sono previsti l’ambo, il terno, la quaterna, la cinquina e, appunto, la tombola, nel bingo ci sono soltanto la cinquina e il bingo. La vera particolarità è che questultimo può assumere forme diverse e consentire ai giocatori di ottenere somme più cospicue del bingo classico. Il bingo viene considerato perlopiù un gioco dazzardo e gode di un maggiore controllo fiscale, tanto che si pratica in apposite sale dove le serie di palline vengono sostituite al termine di un determinato numero di partite.

Sempre la sala stabilisce se in una partita sarà presente il Bingo Oneche viene costituito da una quota stabilita ogni mese e che viene formata con una piccola percentuale dell’incasso di ognuna delle partite disputate. Il Bingo One Extra, invece, permette di vincere il doppio dellequivalente del Bingo One se viene effettuato il bingo dopo lestrazione di un preciso numero di palline. Il Super Bingo è legato a sua volta al numero di palline estratto prima che venga conseguito il bingo. Insomma, la logica è questa per quasi tutti i premi. Ad essere ambiti sono anche il Bingo Oro e il Bingo Argento, che però non sono sempre presenti.

Anche chi non ha molta esperienza può intuire che nella tombola come nel bingo conti prevalentemente la buona sorte. I giocatori non devono possedere particolari abilità e tutto ciò che devono fare è comprare le cartelle allinizio della partita, sperando che siano foriere di successi. Tutto qui. Mentre la tombola è più relegata a un contesto familiare ed è accessibile anche ai bambini, però, il bingo è materia dei più grandicelli, anche in virtù delle cifre elevate che servono percostituire i vari premi. Il bingo è diventato un fenomeno di massa anche grazie ai vip che vi giocano volentieri e vengono pizzicati dai media. Inoltre, cè da sottolineare che presenta delle varianti alternative: il bingo 90, il bingo 75, il bingo 80 e il bingo 30, a seconda della quantità di numeri presenti sulla cartella e sul tabellone.

Sia la tombola sia il bingo sono approdati in questi anni nella rete. Daltro canto, replicare lo svolgimento di giochi tanto elementari su un portale informatico non era certo impresa ardua in unepoca in cui miriadi di videogiochi in 3D la fanno da padrona. Che si giochi alla tombola virtuale o al bingo attivo online, però, le sensazioni non potranno mai essere paragonabili a quelle che si provano dal vivo. Soprattutto la tombola viene intesa infatti come unopportunità di aggregazione. Che non è certo il fine ultimo di chi gioca dazzardo.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->