sabato, Luglio 31

Tokyo 2020: anche Tedros Adhanom Ghebreyesus si materializzerà alle Olimpiadi Il discusso capo dell’OMS si presenta ai giochi olimpici in una Tokyo sempre più preoccupata per la pandemia che sta cominciando a decimare gli atleti

0

Ancora lui. Il capo dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), Tedros Adhanom Ghebreyesus, si materializzerà in una Tokyo sempre più preoccupata per la pandemia che sta cominciando a decimare gli atleti.

Eppure è stato proprio Ghebreyesus ad essere uno dei principali responsabili dello sviluppo della temibile pandemia di Covid-19.

All’inizio sottovalutò la situazione propagando una finta idea che si trattasse di una bazzecola. Poi l’errore fondamentale proprio agli inizi della diffusione del virus: disse che le mascherine non servivano. Chissà quanti contagi e vittime è costato all’intero mondo questa affermazione irresponsabile fatta proprio da chi il mondo doveva proteggere.

Poi ha inanellato una serie di perle difficilmente imitabile: si va dalle notizie contradditorie sul virus, allo scandalo del mancato aggiornamento del piano influenza italiano di cui si è molto occupato ‘Report’, al finto viaggio di una delegazione Oms in Cina per dire che ”tutto va bene” per diluire le grandi responsabilità del Celeste Impero da sempre suo amico.

Insomma il direttore generale dell’OMS, dopo un anno e mezzo di pandemia –ricordiamo il compito dell’OMS è quello di prevenirle- non solo è ancora al suo posto lautamente retribuito dalle tasse di tutti i cittadini del mondo, ma ancora fa danni. L’ultimo appunto qualche giorno fa quando è comparsa la notizia di suo viaggetto in Giappone per discutere delle misure anti-pandemiche.

Ciliegina sulla torta, Ghebreyesus è sotto accusa al tribunale internazionale dell’Aia per genocidio per una vicenda che vide il suo appoggio ad un dittatore africano. Per la serie, se non sono i peggiori non li prendiamo.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

Giornalista professionista e scrittore. Laureato in Fisica. E’ stato anche deputato della Repubblica.

End Comment -->