martedì, ottobre 23

Togo: la cacciata di Mugabe fa ben sperare per quella di Gnassingbé Continuano in molte città del Paese le manifestazioni contro il Presidente, al potere da 12 anni

0

Continuano in molte città del Togo le manifestazioni contro il Presidente Faure Gnassingbé al potere da 12 anni, intenzionato a rimanerci ancora alcuni anni, dopo essere subentrato al padre rimasto alla guida del Paese per 38 anni.

L’impeachment dell’ultra novantenne Robert Mugabe, a capo dello Zimbabwe da 37 anni, fa ben sperare sull’esito della crisi politica che da agosto sta mettendo in ginocchio il Togo.

La repressione è stata finora l’unica risposta alle proteste. A giustificare il tutto è intervenuto lo stesso presidente Gnassingbé dichiarando che «il Togo è attualmente turbato da dimostrazioni affatto pacifiche e quindi autorizzate, ma al contrario estremamente violenti».

Gli arresti sono all’ordine del giorno e si contano almeno 16 vittime dall’inizio delle proteste. Un militante dell’Alleanza nazionale per il cambiamento (ANC) parla di ‘arresti arbitrari e torture’ e anche di scontri frontali tra sostenitori del partito al potere e quelli dell’opposizione.

L’esercito sembrerebbe costituire l’ago della bilancia, come è avvenuto in Zimbabwe. Il 9 novembre, il Presidente si era recato nel campo militare di Temedja, a circa 200 km a nord della capitale Lomé. L’opposizione era poi intervenuta in una conferenza stampa sollecitando l’esercito ad una presa di coscienza, tanto che il ministro della sicurezza e protezione civile togolese, Yark Damehame, ha pubblicamente annunciato, sabato 18 novembre, che mai l’esercito si schiererà con l’opposizione, colpevole di avere ucciso due militari.

Si è comunque iniziato a cercare un possibile dialogo per il superamento della crisi di Lomé. Una delegazione del Ghana ha incontrato martedì 14 novembre il Capo dello Stato e rappresentanti dei 14 partiti che costituiscono la coalizione dell’opposizione. Questi ultimi hanno tuttavia imposto alcune condizioni preliminari, quali la liberazione dei prigionieri politici e la revoca dello stato di assedio delle città di Sokodé, Bafilo e Mango nel nord del paese. Rimane comunque indiscutibile la richiesta di una norma che limita a due il numero massimo di mandati presidenziali, disposizione da rendere anche retroattiva per impedire a Gnassingbé di ricandidarsi.

Il presidente della Guinea, Alpha Condé, attualmente a capo dell’Unione Africana (UA), si dice pronto a risolvere la crisi del Togo e prevede un incontro tra le due parti a inizio dicembre. Per ora, non trapelano altre informazioni.

La crisi non ha solo creato tensioni e scontri, ha visto anche un significativo flusso di profughi che scappano a causa dell’instabilità politica del Paese. Nella sola giornata di giovedì 9 novembre, si sono registrati ben 200 togolesi richiedenti asilo nel vicino Ghana. Secondo il rapporto dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UHRC), ci sarebbero arrivati in Ghana più di 500 profughi. Una trentina sarebbero arrivati nel nord del Benin, ma non è ancora chiaro se queste persone siano fuggite dal Togo, mentre finora non ci sono notizie di rifugiati e richiedenti asilo arrivati in Burkina Faso.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore