sabato, Giugno 19

Theresa May, la nuova Thatcher field_506ff510725be

0

La sessantenne Theresa May sarà la nuova inquilina di Downing Street, sostituendo il premier dimissionario David Cameron. La neo primo ministro in pectore ha annunciato che la Brexit sarà un «successo» e che s’impegnerà in prima persona a trovare «il miglior accordo possibile» per condurre la Gran Bretagna fuori dall’Ue. Dopo essere stata proclamata nella giornata di ieri leader del Partito Conservatore, a seguito della sconfitta e del ritiro della avversaria Andrea Leadsom, entrerà in carica alla guida del governo domani.

Theresa May sarà la seconda donna primo ministro degli UK dopo Margaret Thatcher, di cui sembra già ricalcare le orme «So di non essere un politico che si mette in mostra. Non faccio il tour degli studi televisivi, non faccio pettegolezzi durante i pasti, non bevo nei bar del Parlamento, non parlo a cuore aperto. Faccio semplicemente il lavoro che ho davanti». La leader dei Tory è figlia di un pastore anglicano del Sussex ed ha conseguito la laurea in Geografia ad Oxford. Entra a far parte della politica nazionale con l’arrivo al Parlamento nel 1997, raggiunge il massimo della notorietà come Ministro dell’Interno del governo Cameron grazie all’espulsione dell’imam radicale Abu Qatada.

(fonte video tratta da canale YouTube ‘Euronews‘)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->