martedì, Settembre 21

Theresa May e l’annuncio delle elezioni l’8 giugno

0

Con un annuncio davanti al numero 10 di Downing Street, la premier britannica Theresa May ha annunciato che l’8 giugno si andrà al voto anticipato. Una vera novità, visto che la stessa May fino a qualche settimana fa aveva negato l’ipotesi di andare alle urne in Gran Bretagna. Forse ad incidere però sono stati i sondaggi, che vedono il Partito Conservatore avanti nettamente sui laburisti. Un successo netto alle urne infatti rafforzerebbe la May nel cammino verso la Brexit.

«La Brexit è nell’interesse nazionale ma gli altri partiti si oppongono», ha detto la May spiegando le elezioni anticipate. A suo parere, il voto si impone per far fronte al clima di ‘divisione’ seminato dalle opposizioni, che rischia di indebolire il Paese nel negoziato con la Ue.

Il leader laburista Jeremy Corbyn si è detto favorevole alla richiesta di elezioni anticipate. Anche il partito liberaldemocratico accetta la sfida e si impegna a fare campagna «contro la disastrosa hard Brexit»: «E’ l’occasione per far cambiare strada al Paese», ha detto su Twitter il leader dei Libdem, Tim Farron.
«Lottiamo per la Scozia», invece il commento della leader scozzese Nicola Sturgeon, secondo cui i conservatori intendono, tra le altre cose, «forzare il Paese attraverso una hard Brexit e imporre tagli maggiori».

Ad appoggiare la decisione della May invece il suo predecessore, David Cameron, che ha definito la scelta ‘coraggiosa e giusta’. L’ex leader Tory si è limitato poi sui social a fare i suoi ‘migliori auguri’ ai candidati del suo partito. Intanto è emerso anche che la premier May ieri aveva informato in una telefonata la regina Elisabetta sulla sua intenzione di annunciare il voto per l’8 giugno.

(video tratti dai canali Youtube di Associated Press e BBC)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->