mercoledì, Giugno 16

Thaad, nuovo test ok. E la Nato chiede nuove sanzioni per la Corea

0

L’agenzia per la difesa missilistica Usa ha reso noto di aver condotto con successo, per la quattordicesima volta consecutiva, l’intercettazione di un missile balistico a medio raggio con il sistema Thaad. Il missile è stato intercettato dal sistema Thaad installato in Alaska, il primo Stato dell’Unione ad essere minacciato dall’Icbm di Pyongyang.

Intanto si muove la Nato contro la Corea del Nord. Il Consiglio nord Atlantico ha chiesto nuove sanzioni in connessione al lancio dei missili balistici intercontinentali il 4 luglio. «Stiamo sostenendo gli sforzi intrapresi presso le Nazioni Unite per imporre ulteriori sanzioni alla DPRK e invitiamo tutte le nazioni ad applicare pienamente le sanzioni ONU esistenti, nonchè a compiere ulteriori sforzi per applicare pressioni decisive per convincere il regime della Corea del Nord ad abbandonare il suo attuale percorso minaccioso e destabilizzante Percorso», si legge in una nota.

«Il Consiglio nord Atlantico (NAC) condanna in maniera più  forte possibile il lancio senza precedenti di un missile balistico intercontinentale della Corea del Democratico il 4 luglio; una grande escalation che viola direttamente molteplici risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e dimostra chiaramente la crescente minaccia da parte della Pyongyang all’Alleanza, alla pace e alla sicurezza globali, nonchè al regime globale di non proliferazione».

(video tratto dal canale Youtube di Business Insider)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->