martedì, ottobre 23

Tesla Semi, il camion elettrico che rivoluzionerà il trasporto su gomma 805 km di autonomia a pieno carico e a velocità autostradale; da 0 a 60 miglia orarie (96 km/h) in 5 secondi, in 20 a pieno carico

0

A partire dal 2019, Tesla, con il suo ‘Semi, potrebbe rivoluzionare il trasporto pesante. Tesla Semi è una motrice elettrica per camion capace di trasportare rimorchi pesanti fino a 36 tonnellate. Qualche altro dato? 805 km di autonomia a pieno carico e a velocità autostradale; da 0 a 60 miglia orarie (96 km/h) in 5 secondi, in 20 a pieno caricoil coefficiente Cx di penetrazione dell’aria è di 0,38, mentre quello degli altri trucks raggiunge lo 0,65/0,70 medio. Grande aerodinamica, favorita anche dall’ assenza degli specchietti laterali, che potrebbero essere sostituiti da telecamere. Questa possibilità al momento non sarebbe prevista dalla legge statunitense.

Per eliminare i ‘tempi morti’ per la ricarica del mezzo, il fondatore di Tesla, Elon Musk,  ha annunciato che, grazie ai Megachargers, in soli 40 minuti, sarà possibile immettere nelle batterie energia sufficiente a coprire una distanza di ben 640 km. Anche se al momento l’ installazione, a livello globale, dei Megachargers è ancora lontana. Per la verità, il primo prototipo di camion elettrico è firmato da Mercedes. Ma ‘Semi’ è solo una motrice. Elon Musk ha inoltre promesso una riduzione del 20% dei costi di gestione, rispetto ai camion con motore a gasolio. 

‘Semi’ è dotato dell’ AutoPilot: tra le capacità, mantenimento della corsia, frenata automatica d’emergenza,  e avviso di pericolo tamponamento. Quattro sono i motori, tutti posti sugli assi posteriori. Il posto guida è centrale. Musk ha poi aggiunto: «Vi garantiamo che questo camion non si romperà per un milione e 600.000 km, mentre i freni hanno vita quasi infinita».  Per prenotarlo, bastano 5.000 dollari di anticipo, pari a 4200 euro. 

(video tratto dal canale Youtube di IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.