giovedì, Dicembre 9

Tesco e la parità salariale: rischio risarcimento record L'azienda potrebbe essere condannata a pagare un risarcimento di 20mila sterline (oltre 22mila euro) per ogni addetta discriminata nel salario

0

Il colosso della grande distribuzione nel Regno Unito, Tesco, rischia di dover pagare un conto salatissimo per la disparità salariale. Se il giudice inglese darà ragione all’azione legale avviata da migliaia di lavoratrici, l’azienda potrebbe essere condannata a pagare un risarcimento di 20mila sterline (oltre 22mila euro) per ogni addetta discriminata nel salario.

Con 6.800 supermercati e 464.520 dipendenti nel mondo, tra Europa e Asia, la Tesco, facendo un paio di calcoli, ha almeno quasi 200mila dipendenti donna e il maxi-risarcimento potrebbe raggiungere la cifra colossale di 4 miliardi di sterline (4,5 miliardi di euro). Tesco sostiene che «sta lavorando duro» per far sì che tutti gli occupati siano pagati «in modo corretto ed equo». Ma il gap salariale tra uomini e donne ancora c’è.

«Se le lavoratrici di Tesco riusciranno ad avere ragione tutti gli altri retailer e il mondo del business in generale saranno esposti a un’ondata di ricorsi per la parità salariale», scrive Crowley Woodford dello studio legale societario Ashurst.

(video tratto dal canale Youtube di ITV News)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->