mercoledì, Ottobre 20

Terroristi tremate, gli specnaz son tornati field_506ffbaa4a8d4

0
1 2


Considerato che gli occhi russi sono oramai puntati sulla Siria, fin dall’inizio dell’offensiva Mosca ha velatamente dichiarato di avere uomini addestratissimi sul terreno. Questi quasi immortali soldati iperaddestrati sono la punta di diamante che Putin ritiene essere l’incubo dei terroristi. L’ordine del Cremlino è stato più che chiaro: annientare lo Stato Islamico e uccidere senza pietà i suoi leader.

Gli specnaz (traslitterazione dal cirillico) non lavorano solo come unità altamente specializzata ma in Siria, hanno ricevuto l’ordine di assumere un assetto tipico di una mentalità che non ammette repliche. Queste forze speciali agiranno in missioni hunter killer e targeting leader e coordineranno sul terreno i raid russi.

Vediamo dunque cosa vuol dire in sostanza. Sul terreno le unità delle forze speciali possono assumere diverse ‘forme tattiche’, cioè possono assumere compiti diversi in base a quali sono le situazioni contingenti delle altre forze. Abbiamo un primo approccio che è quello che vede le forze speciali reperire informazioni in luoghi ad altissimo rischio, a contatto con il nemico, per guidare le future offensive (via aria o terra). In questo caso, il nemico non viene quasi mai coinvolto nelle operazioni, anche se è a portata degli armamenti in dotazione.

La modalità hunter killer è la più vicina a un assetto di guerra: in questo caso, appena l’obbiettivo specifico viene individuato, l’ordine è sparare per uccidere‘.

Sì, ma chi viene ucciso?

In modalità hunter killer (letteralmente ‘assassino cacciatore’) i principali obbiettivi utili sono leader dei gruppi terroristici, le menti che programmano e pianificano attentati e dirigono la politica estera: nel nostro caso, dello Stato Islamico. Cercare questi uomini introvabili non è facile, il loro unico scopo nella vita è non essere rintracciati per poter continuare a spargere terrore. Gli specnaz sono le uniche persone che hanno le abilità fisiche e politiche per poterli scovare.

La base di Hmeymim è il comando principale di tutte le operazioni specnaz in Siria e sede principale di tutte le missioni targeting leader e hunter killer. La base ospita le principali piattaforme a supporto delle unità d’elite, sistemi d’arma e tecnologie avanzatissime con cui condurre le operazioni più singolari.

Hmaimim è probabilmente l’avamposto più fortificato dai russi, è divenuto il principale avamposto per pianificare la ricerca dei leader dello Stato Islamico, direttamente sul terreno. Tutti gli Specnaz ricevono il simbolo non ufficiale del lupo: i lupi cacciano in branchi e sconfiggono prede più grandi di loro, causando il massimo danno.

Da questo piccolo aneddoto dovremmo capire la mentalità che caratterizza questi uomini, macchine da guerra spietate e professionali, impiegate in una lotta che finora è stata assolutamente sbilanciata a favore dell’IS. Non è improbabile che nel prossimo futuro vedremo (per modo di dire) questi fantasmi mimetici al fianco della legione straniera francese, che proprio mentre scriviamo sta scalpitando per entrare in Siria.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->