giovedì, Ottobre 21

Terrorismo, nuovi attentati in Bangladesh

0
1 2


Prosegue il cessate il fuoco temporaneo in Siria partito ieri e che durerà 72 ore. Ad indirlo l’esercito siriano in coincidenza con la festività per la fine del mese islamico di Ramadan. Durerà fino alla mezzanotte di venerdì prossimo e riguarderà tutta la Siria. Intanto Il presidente americano Barack Obama e 17 altri capi di stato, 21 capi di governo, 41 ministri degli Esteri e 39 ministri della difesa sono attesi per la prima volta a Varsavia per il vertice Nato che inizia domani. La città polacca è blindata da 6 mila poliziotti e agenti di servizi che vegliano sulla zona dello Stadio Nazionale, il luogo dell’incontro, completamente isolato da alcuni giorni, oltre al centro città, compresi circa 20 alberghi, dove alloggeranno 2 mila partecipanti del vertice, e le principali strade di collegamento. Gli incontri delle delegazioni avranno luogo fra l’altro nel Palazzo del presidente polacco dove nel 1955 fu firmato il Patto di Varsavia. Non è da escludere che in agenda ci sia anche uno speciale approfondimento sulla situazione siriana.

Nel continente americano il governatore del Minnesota, Mark Dayton, é stato portato via dalla sua residenza a St.Paul per motivi di sicurezza dopo che centinaia di persone si erano riunite nella notte davanti alla dimora per protestare contro l’uccisione, da parte di un agente di un nero, Philando Castile, 32 anni, mentre era in auto con la fidanzata e la figlioletta di lei. Non finiscono quindi i casi di omicidio da parte delle autorità contro la comunità afroamericana.  Il fatto è avvenuto a sole 48 ore da un accaduto analogo in Louisiana. Ad inchiodare il poliziotto ci sarebbe un video su Facebook al vaglio degli inquirenti: secondo i media, la vittima era in auto con una donna e un bimbo quando è stato fermato da una volante. Ai poliziotti ha detto di aver con sé un’arma con regolare licenza. Ma al momento di prendere il portafoglio, uno o più agenti gli hanno sparato.

 

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->