martedì, Ottobre 19

Terrorismo, i numeri dal 2001 ad oggi field_506ffb1d3dbe2

0

Gli ultimi attacchi, quattro in neanche una settimana, in Germania, hanno fatto piombare nuovamente l’Europa nella paura. Il terrorismo ormai colpisce ovunque, anche se Africa e Asia sono le ‘mete’ preferite. Dall’11 settembre 2001, il giorno dell’attentato alle Torri Gemelle e al Pentagono, i terroristi, specialmente quelli di matrice islamica, hanno lasciato dietro di sè una lunga scia di sangue. Al Qaeda, ISIS, Boko Haram, Al Shabaab, tante sigle ma orrore sempre uguale. Nel 2002 toccò all’Indonesia con l’attentato a Bali (202 vittime), poi nel 2004 le bombe sulla metro di Madrid (191 morti). Un anno più tardi la metropolitana di Londra finì nel mirino (56 morti e 700 feriti), poi nel 2008 un hotel a Mumbai, in India. Nel 2013 la strage in un albergo in Kenya, a Nairobi, infine la lunga serie di attacchi a Parigi, prima a Charlie Hebdo e poi al Bataclan e non solo. Fino ad arrivare ad oggi con Nizza e i fatti tedeschi. In mezzo le stragi di Sousse (tunisia), Ankara, Istanbul, Egitto, Libano. Perché per il terrorismo, qualunque sia la sua matrice, è la paura di poter colpire ovunque l’arma peggiore. Ecco una carrellata dei maggiori attentati, con numeri davvero impressionati.

 

 

(video tratti dal canale Youtube di RT)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->