giovedì, Dicembre 2

Terremoto Austria, presidenziali da rifare

0
1 2


Importanti segnali di distensione arrivano dalla Turchia, ancora scossa dall’attentato all’aeroporto Ataturk di Istanbul. Il presidente Recep Tayyip Erdogan è pronto a incontrare Vladimir Putin a Sochi il prossimo agosto, prima del G20 previsto a settembre in Cina. A confermarlo il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu a Interfax al termine dell’incontro col suo collega russo Serghei Lavrov. Sarà il primo passo verso una normalizzazione dei rapporti dopo le tensioni createsi alla luce dell’intervento di Mosca nel conflitto siriano e il reciproco scambio di accuse, culminato poi con l’abbattimento di un jet russo ai confini tra Turchia e Siria.

Torna alta la tensione in Cisgiordania, dove un attacco è stato portato a termine nella città di Hebron. Secondo ‘Canale 2’, una vettura è stata prima colpita da spari, forse da un’auto palestinese in corsa, poi si è ribaltata ed è uscita di strada. Il bilancio è di un morto e tre feriti. Secondo l’esercito israeliano l’attacco è stato condotto da ‘terroristi’ e sono in corso le ricerche per catturare i colpevoli. Intanto il Quartetto per il Medio Oriente rilascia un rapporto e non le manda a dire a Israele e all’ANP: il governo israeliano dovrebbe fermare la costruzione degli insediamenti, che impediscono lo sviluppo palestinese, mentre alla controparte si chiede di prendere tutte le misure necessarie per far cessare l’incitamento alla violenza e rafforzare gli sforzi in corso per combattere il terrorismo.

Negli USA un giudice federale ha bloccato una legge del Mississippi secondo cui i cittadini dello Stato possono rifiutarsi di fornire servizi o prodotti alle coppie gay, se ciò è in contrasto con i loro principi morali e religiosi. Secondo il giudice Carlton Reeves la legge è anticostituzionale perché «lo Stato ha messo il suo peso sulla bilancia per favorire alcune convinzioni religiose piuttosto che altre». Con questa decisione ha bloccato la sua entrata in vigore, prevista proprio per oggi. Lo Stato non ha per ora commentato la decisione, ma di certo farà ricorso. Alto poi l’allarme terrorismo nel Paese. Ieri chiusa la la Joint Base Andrews, nello Stato del Maryland, la base che ospita l’Air Force One a causa di una segnalazione di un ‘tiratore attivo’. Dopo controlli però la notizia si è rivelata infondata. L’uomo che aveva dato l’allarme probabilmente aveva scambiato un’ispezione delle forze di sicurezza per un attacco terroristico, inoltre era prevista una esercitazione per la gestione di situazioni di ‘tiratori attivi’ che però non era ancora cominciata.

Giornata importante quella di domani per l’Australia, che si recherà alle urne per le elezioni federali. Sarà lotta serrata fra il governo conservatore di Malcolm Turnbull e l’opposizione laburista guidata da Bill Shorten. Quasi 16 milioni di australiani chiamati al voto e che dovranno scegliere fra 994 candidati per 150 seggi alla Camera e fra 631 candidati per i 76 seggi al Senato. Secondo gli ultimi ultimi sondaggi i conservatori mantengono un vantaggio di soli due punti (51% a 49%) e a poter pesare potrebbe essere la protesta anti-establishment che soffia nel Paese. Si parla infatti di un Senato senza padrone e decisivo potrebbe essere anche il partito dei Verdi.

Infine chiudiamo con l’incredibile caso che arriva da Taiwan, dove una motovedetta della Marina militare ha lanciato per errore un missile supersonico antinave che è caduto nelle acque al largo dell’isola di Penghu, vicino a Taiwan. Per fortuna nessuna vittima e nessun danno, ma come riporta l’agenzia ‘The Central News Agency‘, le autorità hanno avviato un’indagine sull’incidente. Al momento del lancio la motovedetta, la Chinchiang, si trovava in una base militare per un’ispezione. L’incidente poteva causare problemi ben più seri, visto il rapporto con la Cina, alle prese invece con il ‘compleanno’ del Partito Comunista. A parlare agli iscritti il presidente Xi Jinping: «La storia ci dice che la scelta del popolo cinese di affidare al Partito Comunista la guida verso il grande ringiovanimento della civiltà è stata giusta e che anche il percorso del Partito di un socialismo con caratteristiche cinesi è corretto. Il marxismo deve essere il principio guida di base fondamentale o il Partito perderebbe la sua anima e la sua direzione».

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->