lunedì, Maggio 17

Terre rare: per la UE l’imperativo è ridurre la dipendenza La UE è impegnata dal 2011 sul problema, ma nel 2020 ha fatto proprio il concetto di 'autonomia strategica', volto a 'ridurre la dipendenza dagli altri per le cose di cui l'Unione Europea ha più necessità', come i minerali critici

0

La sicurezza delle catene di approvvigionamento per terre rare e minerali critici -materiali essenziali per l’energia pulita- è diventata una questione strategica globale. In particolare in riferimento alle nuove tecnologie per l’energia pulita sono l’ultima frontiera delle rivalità geoeconomica. Sicurezza della catena di approvvigionamento che la pandemia e la contestuale ulteriore crescita dell’assertività della Cina (che in fatto di terre rare da ben prima della pandemia si dimostra molto determinata) hanno dimostrato essere fragile.

L’autorevole think tank americano Center for Strategic and International Studies (CSIS), ha realizzato un rapporto, dal titolo ‘The Geopolitics of Critical Minerals Supply Chains‘, che analizza la posizione di supremazia della Cina e confronta le strategie e le azioni intraprese da Stati Uniti, Unione Europea e Giappone, evidenziando i fattori economici, di sicurezza e geopolitici chiave per migliorare la sicurezza delle catene di approvvigionamento di tali materiali critici.

Il 18 marzo, ‘L’Indro‘ ha avviato la pubblicazione di una ampia sintesi di ‘The Geopolitics of Critical Minerals Supply Chains‘.

La posizione dell’Unione Europea e le attività che dal 2011 impegnano Bruxelles sono al centro di questo servizio.

***

«Dal 2011, la Commissione europea pubblica ogni tre anni un elenco di minerali critici e grezzi; l’ultimo aggiornamento è stato rilasciato a settembre 2020. L’elenco è stato ampliato da 14 voci nel 2011 a 20 nel 2014, 27 nel 2017 e 30 nel 2020. Le 30 voci sono costituite da 27 minerali e tre gruppi minerali: elementi pesanti e leggeri delle terre rare (conteggiati separatamente) e metalli del gruppo del platino.
La Commissione ha valutato 83 singole materie prime prima di finalizzare l’elenco 2020, che era
incluso nella
e ‘Critical Raw Materials Resilience».

«L’Unione Europea è costituita da una varietà di economie in termini di dotazione di risorse
e strutture industriali. Alcune delle economie membri dell’UE sono produttori di minerali e fornitori. Ad esempio, la Germania rappresenta l’8% della produzione globale di gallio (usato
nel fotovoltalico), la Finlandia rappresenta il 10% della produzione globale di germanio (utilizzato in celle solari multigiunzione), la Spagna rappresenta il 31% della produzione globale di stronzio (usato in anodo per celle a combustibile a ossido solido) e la Francia rappresenta il 49% della produzione globale di afnio (utilizzato nelle superleghe per applicazioni spaziali). I membri dell’UE includono anche i principali produttori di componenti solari fotovoltaici, turbine eoliche e veicoli elettrici, come Germania, Danimarca, Francia, Italia, Spagna e Svizzera».

«L’attenzione dell’Europa si è tradizionalmente concentrata sulle industrie di raffinazione e manifatturiera, piuttosto che sull’industria estrattiva. Una combinazione di limitata disponibilità di risorse all’interno dell’Unione europea e ostacoli economici e sociali sembrano aver ostacolato lo sviluppo a monte, portando alla relativa assenza dell’Unione europea dalla parte a monte dell’offerta globale catene per molti minerali».
«L’Unione Europea non produce più dell’1% dei minerali necessari per la tecnologia delle turbine eoliche (tra cui terre rare) o per le batterie agli ioni di litio (ad esempio, cobalto, grafite naturale e litio). La capacità dell’UE è limitata anche nella lavorazione dei componenti minerali per turbine eoliche, celle e moduli fotovoltaici e batterie, che costituiscono circa il 10 percento della fornitura globale di turbine eoliche e batterie e circa il 5 percento di celle fotovoltaiche e moduli. La capacità di produzione dell’UE per i componenti per le tre tecnologie energetiche pulite è variabile. Mentre l’Unione Europea rappresenta circa il 20% e il 10% del totale globale rispettivamente in produzione di turbine eoliche e componenti per batterie, la capacità dell’UE è effettivamente assente nella fase di produzione dei componenti fotovoltaici».

«La sicurezza delle catene di approvvigionamento di minerali critici è diventata formalmente un punto dell’agenda dell’UE alla fine degli anni 2000 con il lancio della Raw Materials Initiative‘, nel 2008. L’obiettivo principale era garantire un approvvigionamento equo e sostenibile di minerali e materiali dai mercati globali e incoraggiare approvvigionamento efficiente delle risorse attraverso il riciclaggio. L’iniziativa è nata dal crescente riconoscimento da parte dell’UE e dei governi membri che la mancanza di una risposta politica integrata alle pratiche che distorcono il mercato limiterebbe la capacità dell’Unione europea di garantire materie prime a ‘prezzi equi e senza distorsioni’». La Commissione in quel documento richiamava le strategie industriali delle economie emergenti -come Cina, Russia, India e Sudafrica- che mirano a proteggere la loro base di risorse al fine di generare vantaggi per le loro industrie a valle.
«Notevole nella ‘
Raw Materials Initiative‘ era il chiaro riconoscimento che i minerali come le terre rare e il cobalto sono importanti per il passaggio dell’Europa allo sviluppo di soluzioni innovativerispettose dell’ambiente‘ di tecnologie e prodotti. Nel 2012 la Commissione ha istituito il partenariato europeo per l’innovazione sulle materie prime per realizzare l’iniziativa sulle materie prime.

Un decennio dopo, l’Unione europea considera un approvvigionamento sicuro e sostenibile di minerali critici come una continua sfida che ha assunto una importanza strategica man mano che l’Unione europea si sforza di soddisfare i due obiettivi interconnessi di raggiungere il suo obiettivo di neutralità climatica e preservare la competitività industriale.
Perseguire la solida diffusione di tecnologie energetiche pulite potrebbe esacerbare l’attuale livello di dipendenza dalle importazioni di minerali e materiali critici se il problema della sicurezza dell’approvvigionamento non viene affrontato.
Questo potenziale compromesso è diventato una questione inquietante per l’Unione europea, che già è preoccupata che la concorrenza globale per queste risorse sia diventata feroce. ‘Critical Raw Materials Resilience: Charting a Path towards greater Security and Sustainability‘, pubblicato a settembre 2020, è il documento strategico più recente dell’Unione incentrato sulla sicurezza dell’approvvigionamento di minerali critici. Preparato dalla Direzione generale del Mercato interno, dell’industria, dell’imprenditoria e delle piccole e medie imprese.
La resilienza nelle materie prime critiche include un elenco di minerali critici e un piano d’azione per aumentare la resilienza delle catene di approvvigionamento di minerali critici per l’Unione Europea, con i seguenti quattro obiettivi:
Sviluppare catene di valore resilienti per gli ecosistemi industriali dell’UE;
Ridurre la dipendenza dalle materie prime critiche primarie attraverso l’uso circolare delle risorse,
prodotti sostenibili e innovazione;
Rafforzare l’approvvigionamento interno e la lavorazione sostenibile e responsabile delle materie prime in Unione Europea;
Diversificare l’offerta con un approvvigionamento sostenibile e responsabile da Paesi terzi, rafforzando il commercio aperto basato su regole di materie prime ed eliminazione delle distorsioni al commercio internazionale».

Riconoscendo «che la domanda di tecnologie energetiche pulite è il fattore principale che influisce sulla domanda di minerali critici e competitività industriale, la Commissione europea ha anche rilasciato ‘Critical Raw Materials for Strategic Technologies and Sectors in the EU – A Foresight Study‘, studio previsionale che accompagna il documento di resilienza.
Il rapporto non solo ha fornito le prospettive per la domanda di minerali e materiali tra il 2030 e il 2050, ma ha anche dettagliato l’analisi dei rischi per le catene di approvvigionamento dei minerali critici per tecnologie e settori che hanno importanza strategica per l’Unione Europea. I punti salienti delle prospettive
entro il 2050 sono una crescita di 60 volte della domanda di litio, una crescita di 15 volte della domanda di cobalto e di 10 volte della domanda per le terre rare utilizzate nei magneti permanenti.

Immediatamente dopo il rilascio di ‘Critical Raw Materials Resilience‘, nel settembre 2020, è stata lanciata l’European Raw Materials Alliance (ERMA) per identificare barriere, opportunità e casi di investimento per costruire capacità in tutte le fasi della catena del valore dei minerali critici. La creazione di questa alleanza è stata la prima di 10 azioni presentate in ‘Critical Raw Materials Resilience‘. L’alleanza sosterrà la UE nel lavorare sulla catena del valore delle batterie perseguita attraverso la European Battery Alliance, iniziativa istituita dalla Commissione Europea nel 2017 e sostenuta dalla Banca Europea per gli Investimenti.

La strategia dell’UE per la sicurezza delle catene di approvvigionamento di minerali critici si è evoluta per riflettere l’emergenza globale.
La sfida principale è il cambiamento climatico. Il documento strategico del 2008 ha rilevato il
collegamento tra la fornitura di minerali critici e la spinta dell’Unione europea a sviluppare e innovare tecnologie rispettose dell’ambiente». Nel 2020 il cambiamento climatico è passato al centro dell’attenzione, «sia come motivo chiave per la prevista espansione della diffusione di tecnologie energetiche pulite (che richiede quindi sicurezza nella fornitura di minerali critici), sia come una questione su cui l’Unione europea cerca di diventare un campione globale. Posizionandosi per cogliere le opportunità economiche e industriali che possono derivare dagli sforzi necessari per mitigare gli effetti del cambiamento climatico, la strategia di resilienza dei minerali sinergizza bene con il Green Deal 2019 dell’Unione europea. L’uso sostenibile delle risorse naturali, come i minerali per le tecnologie per l’energia pulita, corrisponde a uno dei due obiettivi chiave del Green Deal: promuovere l’uso efficiente delle risorse passando a una economia circolare. Ad esempio, per promuovere la sostenibilità e circolarità del consumo di batterie, la Commissione Europea, a novembre 2020, ha deciso di modernizzare la legislazione dell’UE sulle batterie per facilitarne la raccolta, il riutilizzo e il riciclaggio».
Il cambiamento nel panorama economico globale, con il passaggio da una nozione neoliberista alla condivisione della prosperità attraverso una maggiore integrazione delle catene di approvvigionamento e del commercio «è un’altra sfida fondamentale che sta plasmando la risposta dell’Unione europea alle sue criticità in fatto di sicurezza della catena di approvvigionamento dei minerali. Al lancio della European Raw Materials Alliance, ad esempio, il ministro tedesco per gli affari economici e l’energia ha notato il ‘crescente protezionismo internazionale’ sulle materie prime e ha sottolineato l’importanza di sostenere le aziende e le parti interessate dell’UE lungo la catena di approvvigionamento. Questo cambiamento è lo sfondo di entrambe le crescenti preoccupazioni tra i responsabili politici circa l’approvvigionamento di minerali e l’interesse per maggiori soluzioni intra-UE per sfruttare la complementarità tra le economie degli Stati membri con diverse capacità della catena di approvvigionamento».

La resilienza è alla base diNew Industrial Strategy for Europe‘, altra comunicazione della Commissione europea, pubblicata nel marzo 2020, che presenta il concetto diautonomia strategica‘. «Il termine non è una novità nella politica europea, in particolare sulla questione della diplomazia transatlantica. Tuttavia, il concetto si è recentemente ampliato per includere chiaramente il concetto di ‘ridurre la dipendenza dagli altri per le cose di cui l’Unione Europea ha più necessità‘,come i minerali critici.
Per potenziare la sua capacità a monte e quella dei Paesi vici
ni, sono in corso alcuni nuovi progetti minerari di sviluppo, come un progetto di estrazione del litio nella Repubblica Ceca e un progetto al borato di litio in Serbia. Inoltre, l’interesse a coltivare la propria industria delle batterie sembra guidare l’Unione europea, che prevede di introdurre severi requisiti ambientali e di lavoro per le batterie, in quanto ciò potrebbe proteggere il mercato UE delle batterie dalle importazioni asiatiche più economiche».

«C’è una differenza particolare tra le risposte strategiche degli Stati Uniti e dell’UE alla sfida delle filiere dei minerali critici: la Cina. In ‘Critical Raw Materials Resilience‘, la Commissione europea articola la sua preoccupazione che la crescente domanda critica di minerali possa essenzialmente significare la sostituzione della sua attuale dipendenza dalle importazioni di combustibili fossili con la futura dipendenza dalle importazioni di minerali grezzi e materiali. Tuttavia, a differenza della risposta degli Stati Uniti, diventati sempre più antagonisti alla Cina, la Commissione europea si astiene dal nominare la Cina come il suo principale concorrente per le forniture di minerali critici e la produzione di tecnologie per le energie pulite. Né l’Unione europea richiama il comportamento cinese come la principale causa di preoccupazione del buon funzionamento delle catene di approvvigionamento globali.
Questa differenza di tono riflette non solo l’intensificarsi della rivalità geopolitica tra gli Stati Uniti e la Cina, ma anche il calcolo strategico dell’Unione europea per preservare legami economici amichevoli con la Cina. Ciò anche per proteggersi dal relativo declino dell’influenza geoeconomica degli Stati Uniti e per non compromettere la prospettiva di legami economici più forti ed equilibrati con la Cina, come mostrano gli sforzi pluriennali per concludere l’accordo globale UE-Cina sugli investimenti.

La terza grande sfida globale è la crisi economica del Covid-19. In effetti, la Commissione europea
ha specificamente notato in ‘
Critical Raw Materials Resilience‘ che la pandemia Covid-19 ha rivelato ‘quanto velocemente e quanto profondamente le catene di approvvigionamento globali possono essere interrotte’. Il piano di ripresa economica dell’UE, pubblicato nel Maggio 2020, ha identificato minerali e materiali critici come una delle aree in cui l’Europa deve essere
più resiliente in preparazione a shock futuri
. Evidente il senso di vulnerabilità indotto dalla pandemia, che ha amplificato l’interesse dell’Unione europea a rafforzare la sua ‘autonomia strategica’ aumentando capacità di approvvigionamento all’interno dell’Unione europea». Nel piano di ripresa UE, il Covid-19 è quindi visto come un fattore abilitante di maggiore resilienza, per quanto si riferisce alle catene di approvvigionamento di minerali critici.
«L’Unione europea potrebbe fare più affidamento sul finanziamento e sulle regole commerciali per promuovere i propri interessi nella concorrenza globale sulle catene di approvvigionamento di minerali verdi. Ad esempio, la Banca europea per gli investimenti (BEI) ha recentemente adottato una nuova politica di prestito nel settore energetico che consentirebbe alla banca di sostenere i progetti relative alla fornitura di materie prime critiche necessarie per le tecnologie a basse emissioni di carbonio nell’Unione». Inoltre, la Commissione europea considera le catene del valore integrate come un ‘motore di crescita fondamentale’ e chiave per la ripresa economica, per la quale ha suggerito un ‘trade policy review’ per garantire il flusso globale ininterrotto di beni e servizi.

 

 

[La prima parte del servizio -‘Terre rare: nel post-pandemia cruciale questione strategica globale‘- è uscito il 18 marzo 2021; la seconda parte ‘Terre rare: il dominio cinese che preoccupa gli altri grandi‘ è uscita il 19 marzo 2021; la terza parte ‘Terre rare: gli USA tra criticità e rincorsa‘ è uscita il 22 marzo 2021. La quinta parte del servizio uscirà il 24 marzo 2021]

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->