domenica, Novembre 28

Terre rare: la strategia giapponese tra accumulo e ‘diplomazia delle risorse’ La carenza interna affrontata con investimenti in progetti minerari all'estero usando la 'diplomazia delle risorse', protezione delle risorse all'estero, accumulo di scorte, ricerca e sviluppo di sostituti e tecnologie di riciclaggio

0

La sicurezza delle catene di approvvigionamento per terre rare e minerali critici -materiali essenziali per l’energia pulita- è diventata una questione strategica globale. In particolare in riferimento alle nuove tecnologie per l’energia pulita sono l’ultima frontiera delle rivalità geoeconomica. Sicurezza della catena di approvvigionamento che la pandemia e la contestuale ulteriore crescita dell’assertività della Cina (che in fatto di terre rare da ben prima della pandemia si dimostra molto determinata) hanno dimostrato essere fragile.

L’autorevole think tank americano Center for Strategic and International Studies (CSIS), ha realizzato un rapporto, dal titolo ‘The Geopolitics of Critical Minerals Supply Chains‘, che analizza la posizione di supremazia della Cina e confronta le strategie e le azioni intraprese da Stati Uniti, Unione Europea e Giappone, evidenziando i fattori economici, di sicurezza e geopolitici chiave per migliorare la sicurezza delle catene di approvvigionamento di tali materiali critici.

Il 18 marzo, ‘L’Indro‘ ha avviato la pubblicazione di una ampia sintesi di ‘The Geopolitics of Critical Minerals Supply Chains‘.

La strategia del Giappone, che fin dal 1984 si è posto il problema della possibile carenza di minerali e materiali critici, è incentrata su ‘diplomazia delle risorse’, accumulo di scorte, ricerca e sviluppo di sostituti e tecnologie di riciclaggio

***


«Il primo elenco dei minerali critici del Giappone è stato preparato dal Comitato consultivo per l’industria mineraria nel 1984, sotto la direzione del Ministero del Commercio Internazionale e dell’Industria (il predecessore del attuale METI). L’elenco sembra essere rimasto costante nei decenni successivi». Ad esempio, lo stesso insieme di minerali appare nel documento METI del 2014, «dove i minerali considerati critici e quindi meritano attenzione politica e sostegno finanziario per affrontare la sicurezza della loro catena di approvvigionamento.
L’elenco è stato aggiornato nel 2014 per includere ora 32 minerali critici e due gruppi minerali
-metalli del gruppo del platino ed elementi delle terre rare. Alcuni minerali, come il palladio, sono stati rimossi, mentre altri, come fluoro e metalli siliconici, sono stati aggiunti dal 2014.

Il Giappone è un’economia manifatturiera che dipende in modo significativo dalle importazioni di risorse naturali, compresi i minerali critici. Una considerevole miniera di indio esisteva nell’isola settentrionale di Hokkaido, la miniera ha cessato l’attività nel 2006, rendendo il Giappone interamente dipendente dalle importazioni per le forniture di indio.
La presenza del Giappone è gravemente carente a monte, ma ha una sostanziosa lavorazione delle terre rare da parte dell’industria manifatturiera. Ad esempio, le società giapponesi rappresentano circa il 15% della produzione mondiale annua di magneti. In particolare per il mercato globale dei magneti permanenti NdFeB ad alte prestazioni, tre società giapponesi -Hitachi Metals, Shin-Etsu Chemical, e TDK- avevano una quota del 48% a metà degli anni 2010, questo grazie a una fortunata gestione dell’acquisizione dei diritti di proprietà intellettuale.

Considerando la sua sicurezza economica comequasi sinonimo della sua sicurezza nazionale, il governo giapponese ha a lungo considerato la sicurezza delle catene di approvvigionamento di minerali e materiali critici come una priorità assoluta.
Data l’assenza di capacità interna a monte, il Giappone ha cercato di assicurarsi la sua fornitura di minerali essenziali attraverso commercio, investimenti in progetti minerari all’estero, accumulo di scorte, ricerca e sviluppo di sostituti e tecnologie di riciclaggio.
Il Ministry of Economy, Trade and Industry (METI) guida la politica, mentre la Japan Oil, Gas and Metals National Corporation (JOGMEC) è l’attore chiave dell’attuazione.
JOGMEC è affiliato con METI e ha l’autorità legale per effettuare investimenti strategici all’estero per migliorare la sicurezza energetica del Giappone.

Già a metà degli anni ’80, il Giappone era preoccupato per le carenze di approvvigionamento che avrebbero potuto derivare dalla lentezza dello sviluppo a monte in tutto il mondo e dalla prevista crescita della domanda di minerali necessari per i prodotti ad alta tecnologia. Di conseguenza, nel 1983, il governo giapponese iniziò ad accumulare sette minerali, tra cui tungsteno, cobalto e vanadio, tre dei minerali che oggi sono comunemente identificati come critici da Stati Uniti, Unione Europea e Giappone. Tuttavia, considerando che l’accumulo di scorte è insufficiente per mitigare i rischi a lungo termine, il governo giapponese ha anche iniziato ad aumentare la sua attenzione sulla ricerca e sviluppo tecnologico.

I responsabili politici giapponesi hanno adottato un approccio più strategico alla sicurezza dell’approvvigionamento di minerali criticidall’inizio degli anni 2000.
Nel luglio 2007, METI ha adottato misure per garantire l’approvvigionamento stabile di metalli rari. Ciò ha sottolineato l’importanza della ‘diplomazia delle risorseper migliorare l’accesso a progetti minerari all’estero, oltre all’attuale focus su riutilizzo dei minerali, ricerca e sviluppo di sostituti e stoccaggio.
In particolare, il governo giapponese ha deciso,nel 2008, di aumentare la sua capacità di diplomazia delle risorse attraverso l’uso di aiuti esteri, finanze pubbliche e assicurazioni commerciali».
In previsione di eventuali crisi della catena di approvvigionamento, il Giappone ha introdotto Strategies to Secure Rare Metalsnel 2009, «nel contesto del quale ha chiarito i suoi
strumenti politici e le sue aree di interesse attorno a quattro pilastri chiave: protezione delle risorse all’estero, riciclaggio, sviluppo dei materiali sostitutivi e stoccaggio». Ad oggi, i progetti di sviluppo di terre rare all’estero avviati dal Giappone o dal Giappone ma in partnership con il Paese ospitante include il progetto Mount Weld in Australia, il progetto Don Pao in Vietnam e il progetto Indian Rare Earth in India, nonché la partnership con Lynas dell’Australia su un impianto di separazione e depurazione in Malesia.

Per il processo decisionale giapponese sulle catene di approvvigionamento di minerali critici, il 2010 è stato un anno cruciale», l’anno dell’embargo cinese sulle esportazioni di terre rare in Giappone. Il governo si è allarmato «per il potenziale esodo delle capacità midstream giapponesi verso la Cina». Il governo cinese, infatti, aveva introdotto una tassa sulle esportazioni del 25% e un’imposta sul valore aggiunto del 17%; non c’erano tali obblighi fiscali se la società straniera produceva in Cina e poi esportava. In risposta, il governo giapponese ha introdotto le sue misure,
compreso un pacchetto di 39 miliardi di yen(circa 3,9 miliardi di dollari) per aiutare le aziende giapponesi coprire i costi di costruzione di varie capacità all’interno del Giappone per mitigare gli effetti della carenza del materiale.

«Nell’area della ricerca e sviluppo, uno degli obiettivi principali del Giappone è stato lo sviluppo di un processo di produzione che riduca l’uso di minerali critici. Prodotti e componenti derivanti dagli sforzi di ricerca e sviluppo del Giappone per ridurre l’uso di terre rare includono abrasivi e alcuni tipi di magneti. Il settore Ricerca e Sviluppo sulla riduzione dell’uso dei materiali rari e dei loro sostituti è stato tra le aree più attive della cooperazione del Giappone con gli Stati Uniti.
Inoltre, i depositi sottomarini di minerali critici nelle acque territoriali del Giappone sono al centro degli sforzi di ricerca e sviluppo del Giappone. Tra il 2013 e il 2017, sei depositi sono stati scoperti al largo del sud isola di Okinawa. I depositi minerali critici, compresi quelli contenenti cobalto e nichel, sono sotto indagine tecnica per accertarne la fattibilità commerciale.

La combinazione di strategie giapponesi per cercare capacità a monte non cinesi, materiali di riutilizzo e sviluppo di sostituti, ha portato alla riduzione della dipendenza giapponese dalle forniture cinesi di terre rare dall’85% nel 2009 al 58% nel 2018. L’obiettivo ufficiale del Giappone entro il 2025 è quello di ridurre la sua dipendenza dalle importazioni di terre rare da un singolo Paese fornitore al di sotto del 50%, nonché di aumentare al 50% la sua autosufficienza nel soddisfare la domanda di cobalto.

Nel marzo 2020, il Giappone ha rilasciato la sua ultima prospettiva su come proteggere le sue catene di approvvigionamento dei minerali e materiali critici come parte della nuova strategia internazionale per le risorse. La strategia ha sottolineato la crescente importanza dei minerali critici per i veicoli elettrici e le apparecchiature della generazione di energia rinnovabile nel contesto dello sforzo di mitigazione delle emissioni di carbonio. Nel formulare la strategia, i politici hanno preso in considerazione la crescente concorrenza per le risorse con Stati Uniti, Europa, Cina e altri Paesi economicamente emergenti. Nell’ambito di questa strategia, il governo ha chiesto un migliore allineamento specifico dei profili di criticità e strumenti di policy, riesame del sistema delle scorte, promozione della collaborazione internazionale sulla ricerca concentrandosi sull’innovazione relativa al riciclaggio dei minerali.
Secondo la ‘New International Resource Strategy‘, il Parlamento nazionale del Giappone ha approvato una legislazione, nel giugno 2020, per modificare ed espandere l’ambito delle funzioni finanziarie di JOGMEC nell’aiutare le imprese giapponesi nel coinvolgimento in progetti upstream all’estero. Prima le attività di partecipazione di JOGMEC erano limitatamente all’esplorazione, all’acquisizione di attività di sviluppo e produzione esistenti e agli investimenti in attività di raffinazione legate all’estrazione mineraria. La nuova legge ha ampliato la portata di JOGMEC per includere la capacità continuare a finanziare un progetto che è passato dalla fase esplorativa allo sviluppo e fase di produzione.

Inoltre, le scorte giapponesi si espanderanno oltre i sette minerali originali e aumenteranno il livello di riserva da 60 giorni di consumo interno a 180 giorni per alcuni di questi minerali. Ciò significherebbe una grande modernizzazione della politica giapponese di accumulo di metalli rari.
Sebbene la centralità della competitività industriale sia servita come motore principale dell’approccio del Giappone al rafforzamento della sicurezza delle sue catene di approvvigionamento di minerali critici, la sua recente definizione delle priorità è stata
in sintonia con i principali sviluppi globali, come la pandemia Covid-19. In particolare, l’interruzione nelle catene di fornitura di componenti elettronici e automobilistici chiave dall’Asia durante la pandemia ha accresciuto il senso di vulnerabilità del Giappone». Cercando di migliorare la resilienza delle catene di approvvigionamento il governo giapponese ha approvato diversi budget nel 2020 per un totale di 5,45 miliardi di dollari per aiutare i produttori giapponesi di beni la cui produzione dipende dai minerali critici.

 

 

[La prima parte del servizio -‘Terre rare: nel post-pandemia cruciale questione strategica globale‘- è uscito il 18 marzo 2021; la seconda parte ‘Terre rare: il dominio cinese che preoccupa gli altri grandi‘ è uscita il 19 marzo 2021; la terza parte ‘Terre rare: gli USA tra criticità e rincorsa‘ è uscita il 22 marzo 2021; la quarta parte, ‘Terre rare: per la UE l’imperativo è ridurre la dipendenza‘, è uscita il 23 marzo 2021. La sesta e ultima parte del servizio uscirà il 25 marzo 2021]

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->