venerdì, Settembre 17

Terra: la notte è sempre meno buia A confermarlo uno studio di un team internazionale, che avanza dubbi sulla diffusione delle luci al Led a risparmio energetico

0

Le notti sulla Terra stanno diventando sempre meno buie. Una buona notizia? Neanche per idea, sia per animali che per piante, ma soprattutto per l’uomo. A confermarlo uno studio di un team internazionale pubblicato sulla rivista ‘Science Advances‘ che avanza dubbi sulla diffusione delle luci al Led a risparmio energetico.

In particolare da questo studio emerge che tra il 2012 e il 2016 la superficie della Terra illuminata artificialmente di notte è cresciuta di oltre il 2% annuo, sia in termini di luminosità sia per estensione. Solo in Siria e Yemen, dove la guerra ha colpito gravemente le città e quindi l’illuminazione pubblica, c’è stata una netta diminuzione. Tra i Paesi più ‘illuminati’ c’è l’Italia, ma anche Olanda, Spagna e Usa. Osservata una crescita dell’illuminazione in Sud America, Africa e Asia.

I dati dell’inquinamento luminoso derivano delle informazioni raccolte da un particolare sensore satellitare, il VIIRS (Visible/Infrared Imager Radiometer Suite). Ad esempio è stato notato come a Milano l’illuminazione notturna del cuore della città ha cambiato colore tra il 2012 e il 2016, passando dal giallo caldo delle lampadine tradizionali al bianco più freddo dei Led. Il sensore satellitare rileva nel complesso una diminuzione della luminosità, ma solo perché non riesce a cogliere la nuova luce dei Led. Il rischio, secondo i ricercatori, è che il reale inquinamento luminoso percepito da persone, piante e animali sia sottostimato.

(video tratto dal canale Youtube di La Vanguardia)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->