mercoledì, Maggio 19

Teremok: arriva dalla Russia la sfida a McDonald’s Sulle tavole la cucina dell'ex Unione Sovietica, ricca di sapori esotici e di combinazioni a cui non siamo abituati, a poco prezzo

0

McDonald’s &co. comincino a tremare. Dalla Russia con furore infatti è pronto ad invadere i mercati di mezzo mondo un nuovo concorrente agguerrito. Si tratta di Teremok, che porterà sulle tavole la cucina dell’ex Unione Sovietica, ricca di sapori esotici e di combinazioni a cui non siamo abituati.

Teremok è nata nel 1998, quando Mikhail Goncharov si recò negli Stati Uniti e rimase folgorato da McDonald’s. Decise che anche il suo Paese meritava qualcosa di simile e fondò la sua catena di fast food, basata però sulla cucina veloce russa. Teremok è stato da subito un’idea vincente, in Russia, e si è diffuso rapidamente, con varie sedi. Ma negli ultimi anni i vertici dell’azienda hanno deciso di prendere d’attacco il mercato estero. La prima apertura proprio in territorio ‘nemico’, a New York, sulla 7th Avenue.

Il risultato? Piatti anche con prodotti ‘costosi’ a prezzi bassi e newyorkesi letteralmente impazziti. I prezzi si aggirano fra i 5 e i 10 dollari. Il che vuol dire che si può mangiare una zuppa di salmone, carote, panna ed erbette, o del caviale rosso di salmone in un blini spendendo, appunto, come nelle migliori catene di fast food americane. E Teremok, visto l’ottimo esperimento, è pronto a volare in Europa.

(video tratto dal canale Youtube di Business Insider)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->