giovedì, 9 Febbraio
HomePoliticaTeheran si proietta nel mondo con le forze QUDS

Teheran si proietta nel mondo con le forze QUDS

Silenziose, letali e quasi inesistenti, le forze speciali di tutti i Paesi agiscono nell’ombra per operazioni altamente secretate e di cui l’opinione pubblica non conosce nemmeno l’esistenza. In Iran svetta il Corpo delle Guardie della rivoluzione islamica, specialista dell’occultamento, meglio noto con l’espressione ‘Guardiani della rivoluzione’, o, dal persiano, Pasdaran: un corpo militare istituito in Iran dopo la rivoluzione islamica del 1979.

Il corpo è frutto di una fusione perfetta tra una profonda fede ideologica e la necessità politica di difendere i risultati raggiunti dalla rivoluzione islamica. Il corpo dei Pasdaran dispone di circa 120.000 uomini suddivisi in forze di terra, aeree e navali; controllano anche delle milizie volontarie organizzate militarmente dette ‘basiji’.

L’appendice più letale e temuta della Guardia della Rivoluzione è sicuramente la Forza Quds. Questa forza, straordinariamente addestrata, si adegua a qualsiasi scenario ipotizzabile, dalle operazioni di sabotaggio oltre i confini iraniani a quelle di repressione interna alla Repubblica Islamica. Un Jolly di cui Teheran non può più fare a meno. Dopo la salita al potere di Ahmadinejad, il corpo d’elite ha subito molte e significative modifiche: oltre a incrementare il proprio budget, gli sono stati ampliati i poteri e i compiti su suolo iraniano, rendendola una forza di repressione notevole.

Visto il loro sempre più ampio utilizzo, le guardie della rivoluzione e le forze Quds hanno conquistato un ruolo economico e politico di primo piano in Iran, una conquista a cui non vogliono rinunciare. Lo stesso simbolo della Forza Quds riassume in una sola immagine la sua intera missione: un pugno che stringe un mitra al cui vertice è scritto il sessantesimo verso dell’ottava Sura del Corano ‘Al-Anfal’, un simbolo indiscusso di fede e militanza armata. Il comandante di queste forze altamente specializzate è direttamente nominato dalla Guida Suprema, che mantiene all’interno dell’unità speciale un suo rappresentante al fine di controllarne direttamente le attività. Il forte legame che esiste tra la sfera politica e quella militare è tipica dei Paesi mediorientali, che utilizzano le forze armate come strumento di repressione politica o di annientamento per disordini sociali interni. Avere un Esercito tradizionale limiterebbe moltissimo l’uso di queste forze per gli scopi segretari a cui sono destinate: per ovviare al problema di immagine internazionale, l’Iran ha un suo Esercito nazionale perfettamente funzionante, usato quasi come sipario di facciata. Dietro le quinte si muovo indisturbate le Forze Quds.

RELATED ARTICLES

Croce Rossa Italiana

spot_img

Save the Children

spot_img

Seguici sui social

Fondazione Veronesi

spot_img

Fondazione G. e D. De Marchi

spot_img

Fondazione Veronesi

spot_img

Salesiani per il sociale

spot_img

Campus Biomedico

spot_img
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com