giovedì, Aprile 22

Teheran: la sfida di Gentiloni L’Italia vanta invece una lunga storia di amicizia con il Paese

0
L’Emiro del Kuwait Sheikh Sabah alAhmad alJaber al-Sabah è a Teheran per una visita ufficiale di due giorni. Il Kuwait emiro è stato accolto dal Presidente Hassan Rouhani. In Iran e nel 5P +1 del gruppo continuano colloqui su un accordo finale sul programma nucleare di Teheran a Vienna. Il presidente iraniano Hassan Rouhani è ad Ankara per una visita di due giorni per discutere di legami economici e culturali tra le due economie vicini della regione. Il ministro degli Esteri italiano Paolo Gentiloni è a Teheran per una visita ufficiale di due giorni. Gentiloni ha incontrato il suo omologo iraniano Mohammad Javad Zarif. I due presidenti hanno discusso diverse questioni, tra cui i prezzi del petrolio a picco.
La missione in Iran serve per rilanciare i rapporti perché come egli spiega “senza le sanzioni possiamo raddoppiare l’interscambio
I negoziati a Teheran sono in buona parte chiusi per ferie, tuttavia ad animare l’estate della capitale iraniana ci pensano le delegazioni internazionali che dall’accordo sul nucleare raggiunto due settimane fa si avvicendano per sondare l’orizzonte. Molti imprenditori vengono in avanscoperta. L’Italia vanta invece una lunga storia di amicizia con il Paese che nei caffè cita ancora Enrico Mattei e il suo tentativo di difendere la produzione petrolifera locale dagli appetiti stranieri.
(tratto da ‘Youtube‘, con vide di ‘PressTV’)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->