sabato, Ottobre 23

Tecnologia ed economia: direzioni opposte

0

La tecnologia dei giorni nostri, tra smartphone e PC, è una realtà ormai consolidata. Ma, paradossalmente, la tecnologia ha un impatto poco incisivo sull’economia. Rispetto all’enorme progresso tecnologico degli ultimi decenni, concretamente l’economia ha visto una crescita molto lenta. È piuttosto curioso che il tasso di crescita della produttività tra il 2011 e il 2015 è stato addirittura più lento rispetto al tasso di crescita di cinque mesi del 1982.

Il puzzle della produttività ha dato luogo a una serie di spiegazioni negli ultimi anni e gli economisti si sono divisi in previsioni pessimiste e previsioni ottimiste.
Primo fra tutti, negli USA, il settore sanitario rappresenta perfettamente questa inversione di tendenza per cui, nonostante i miglioramenti nella tecnologia, la crescita economica non è una garanzia. Infatti, mentre gli investimenti sulla tecnologia nel corso degli ultimi 10 anni sono aumentati del 54 %, un’analisi più approfondita ha potuto constatare che l’aumento dell’uso di sistemi di cartelle cliniche elettroniche non ha avuto un grosso impatto positivo sulla qualità e costi. Miliardi di dollari sono stati destinati ai sussidi per gli ospedali e per gli studi medici, affinché aggiornassero i metodi di archiviazione e organizzazione delle cartelle. Dal 2008 al 2014, la quota di ospedali con cartelle cliniche elettroniche è salita dal 9 % al 75%, mentre negli studi medici è salita dal 17% al 51%. Gli incentivi per migliorare la tecnologia nel settore sanitario, però, non hanno avuto gli esiti sperati, nonostante l’era digitale abbia notevolmente ottimizzato i tempi dell’organizzazione delle cartelle cliniche.

(Video tratto dal canale Youtube: wochit business)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->