lunedì, Settembre 27

Tecnologia: apre domani il ‘Consumer Electronic Show’ di Las Vegas Fino al 12 gennaio, la fiera della tecnologia globale con 3.900 espositori 230 mila metri quadrati

0

Dal 9 al 12 gennaio apre il Consumer Electronic Show (CES) di Las Vegas, dove viene presentato il meglio dell’innovazione tecnologica globale con 3.900 espositori 230 mila metri quadrati. L’ obiettivo è quello di catturare l’ attenzione dei consumatori. Numerose le tendenze: robotica diffusa, intelligenza artificiale, realtà aumentata.

La ‘casa connessa‘ sarà un’ altra protagonista della fiera anche nel 2018: numerosi gli aggiornamenti dei maggiordomi da salotto, quegli altoparlanti che recepiscono i comandi vocali: si pensi a Echo di Amazon o Google Home.

Anche la nuova generazione di televisori sarà presente all’ evento di Las Vegas: i nuovi TV saranno più grandi di dimensioni e più ‘smart’, quindi sempre più intelligenti, migliorando la qualità di visione. La casa giapponese Panasonic mostrerà due tv che coniugano tra pannello Oled e standard HDR10+. Samsung, potrebbe rendere noto Galaxy X, il primo smartphone pieghevole mentre Sony potrebbe svelare Xperia, uno dei primi smartphone a puntare sull’ intelligenza artificiale e la Playstation VR. Non potrà mancare il 5G, la rete mobile di quinta generazione.

Al centro dell’ evento, oltre all’ elettronica, l’ ‘automotive‘ con oltre 400 espositori. Il gruppo Fca riaffermerà l’ efficienza della nuova generazione della Jeep Wrangler, mettendone in risalto le ultime novità in ambito di connettività e servizi per il conducente e presenterà l’App Jeep Adventure Reality.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->