sabato, Dicembre 4

TechCrunch: la fiera della tecnologia a Shangai

0

E’ la Cina, per la precisione Shangai, ad ospitare la fiera ‘TechCrunch‘: un salone che riunisce ingegneri e designer, cinesi e non, promotori di nuove soluzioni hi-tech, all’insegna dell’originalità e della tecnologia più all’avanguardia. Un’occasione, questa, per guardare al futuro delle applicazioni tecnologiche: dalla logistica all’e-commerce, dalla robotica ai droni e alle più innovative soluzioni per la casa. Al centro di questo salone, inoltre, le innovazioni proposte da varie start-up, con centinaia di giovani, impegnati a concretizzare i progetti scientifici più ambiziosi.
Tra i prodotti di tecnologia più avanzata, l’idea di un purificatore portatile dell’aria, ispirata dal crescente inquinamento in Cina, la cui funzione è quella di ionizzare l’aria e catturare le particelle d’inquinamento facendole ‘cadere a terra’.
Innovativa, anche, l’idea di una piccola azienda coreana: la realizzazione di un nuovo tipo di misuratore metrico in grado di funzionare automaticamente su tutti i tipi di superfici.
E per chi vuole imparare a suonare la chitarra ecco la soluzione: un led sul manico dello strumento che, attraverso un’originale applicazione, facilita l’apprendimento.
Il salone si presta ad essere un’ottima opportunità per chiunque voglia incontrare degli investitori, pronti a sostenere economicamente le idee più funzionali e accattivanti.

(Video tratto dal canale Youtube: euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->