martedì, ottobre 23

Taxi volanti: nel 2020 potrebbero essere realtà Uber e Nasa: insieme per progettare i taxi che volano

0

E se potessimo iniziare a spostarci volando? E’ Uber a pensare di farlo portando i taxi che tutti conosciamo nei cieli sopra le nostre aree urbane. Come? Il noto servizio di noleggio auto con conducente ha preso la via più sicura. Ha siglato, infatti, un accordo addirittura con la Nasa per far decollare, in via sperimentale, dei ‘taxi volanti‘ a Los Angeles già nel 2020.

UberAir‘, questo il nome del progetto, certamente ambizioso, ma che potrebbe risolvere definitivamente i problemi legati al traffico e che, secondo Uber, avrà prezzi competitivi rispetto alle auto. Si parla di una corsa al 100% elettrica capace di competere, a livello di prezzo, con la tratta percorsa con il servizio uberX.

La promessa è quella di far decollare (in tutti i sensi) UberAir prima dell’inizio dei Giochi Olimpici di Los Angeles 2028.

«La tecnologia consentirà ai residenti di volare sopra al traffico che storicamente affligge la città e restituirà loro tempo che potrà essere impiegato per attività più produttive, sia che si tratti di tempo libero da spendere con amici e familiari o da dedicare al lavoro», ha dichiarato uno dei vertici di Uber, Jeff Holden, che immagina «migliaia di voli ogni giorno attraverso la città».

A dare l’annuncio ufficiale è stato proprio Holden, durante il ‘Web Summit‘ di Lisbona, precisando che le futuristiche ‘auto volanti’ avranno la capacità di toccare gli oltre 300 chilometri all’ora. Il tutto è contenuto in un più ampio progetto che ha il nome di  ‘Elevate‘ e che prevede la realizzazione di una rete di piccoli velivoli elettrici, operativi in tante città, in grado di ospitare fino ad un massimo 4 persone per condividere spostamenti aerei in aree urbane fortemente abitate

I voli in taxi di uberAir ne sono solo una parte. Graficamente si nota subito la somiglianza a dei piccoli elicotteri a decollo e atterraggio verticale (Vtol), anche se se ne discostano in quanto sarebbero notevolmente più silenziosi, oltre che più sicuri, economici e rispettosi dell’ambiente.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore