giovedì, Agosto 5

Taxi volante: ecco il primo prototipo Si chiama 'Cora' ed è stato realizzato dalla start up californiana Kitty Hawk, dietro alla quale c'è Larry Page, il co-fondatore di Google

0

Il taxi volante è realtà: svelato in Nuova Zelanda il prototipo ‘Cora‘, realizzato dalla start up californiana Kitty Hawk, dietro alla quale c’è Larry Page, il co-fondatore di Google. Presente all’evento anche la prima ministra neozelandese Jacinda Adern. L’idea è che possa funzionare come taxi per i trasporti quotidiani e per ridurre l’impatto sull’ambiente. Infatti ha un’alimentazione elettrica.

«Cora è un taxi volante che combina il motore elettrico con il software di guida automatica e il decollo verticale per sperimentare un modo completamente nuovo di volare», dice in un comunicato la start up. Il taxi-volante decolla come un elicottero ma vola con un aereo: ha un’ampiezza alare di 11 metri, 12 rotori con eliche alimentati a batterie e può portare fino a due persone ad un’altezza compresa tra i 150 e i 900 metri. Al momento le prestazioni non sono il massimo, visto che l’autonomia è di circa 100 chilometri e la velocità è di 180 chilometri orari.

Ma non è tutto, perché questo taxi volante è pensato per muoversi anche senza pilota, con un sistema di navigazione automatico supervisionato dai normali passeggeri, come le auto che si guidano da sole sperimentate nella Silicon Valley.

(video tratto dal canale Youtube di IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->