sabato, Maggio 15

Tanzania: quali diritti LGBT? field_506ffb1d3dbe2

0

Nel quartiere Tarime della regione di Mara nel nord della Tanzania una tradizione secolare coinvolge donne sposano donne. Questa struttura familiare alternativa, conosciuta come Nyumba Nthobu, è diventata un’alternativa pratica anche a seguito delle barbarie ricevute dagli uomini verso le donne locali.

L’associazione Wezesha fin dalla sua fondazione lavora alacremente per il progresso dell’uguaglianza, della diversità, dell’educazione e della giustizia per la comunità LGBT in Tanzania.

Quando una persona commette un atto di odio verso un’altra persona, entrambi sono toccati da questa violenza. Quando ai bambini si fanno crescere nell’ignoranza e si insegna loro a odiare, invece dell’accettazione e della conoscenza, sarà tutta la nostra società a soffrire.
La grande notizia è che questa piccola associazione ha stretto partnership con vari operatori del settore sanitario per fornire alle persone lesbiche, gay, bisessuali e transessuali della Tanzania assistenza sanitaria di qualità e gratuita, tra cui i test per l’HIV, lo screening per la tubercolosi e tutte le cure necessarie per oltre cinquecento LGBT poveri che non hanno accesso ai servizi sanitari per via dell’omofobia vigente in loco. È la prima clinica (e si spera che non sarà l’ultima) della Tanzania in cui le persone LGBT possono aver accesso ad assistenza sanitaria gratuita e di qualità.

Oltre due milioni di persone lesbiche, gay, bisessuali e transessuali in Tanzania non hanno accesso all’assistenza sanitaria per via del rifiuto, dell’isolamento e della criminalizzazione basata sull’identità di genere o sull’orientamento sessuale e devono combattere ogni giorno con lo stigma e la discriminazione, con le molestie e le detenzioni arbitrarie, compreso l’allontanamento dalle proprie famiglie. La situazione è così difficile per diverse persone LGBT che vivono con l’HIV che si medicano da sole con gli acidi delle batterie!

È stata lanciata anche una raccolta online per sostenere l’associazione: sono sufficienti 10 dollari al mese per poter curare una persona.

(tratto dalla sezione video del canale ‘Youtube’ della ‘BBC News‘)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->