martedì, Maggio 11

Taiwan tra i leader mondiali del riciclaggio field_506ffbaa4a8d4

0

Con un tasso di riciclaggio del 55%, il Taiwan diventa uno dei leader mondiali del riciclaggio, come Austria, Germania e Corea del Sud. Ciò è stato possibile grazie a una strategia realizzata dall’amministrazione della protezione ambientale del Paese, di cui è incaricata l’organizzazione EPA.

Le regole? Tutti i residenti sono tenuti a separare i loro rifiuti in tre categorie: rifiuti generali, riciclabili e rifiuti alimentari. La maggior parte dei rifiuti viene incenerita, i rifiuti alimentari crudi destinati al compostaggio e i rifiuti alimentari cotti sono destinati ad alimentare maiali neri locali.
I residenti, inoltre, utilizzano un programma pay-as-you-throw‘, grazie al quale pagano i rifiuti che gettano, in modo da limitare il numero dei rifiuti. Previste anche sanzioni pesanti in caso di inosservanza delle regole. In città come Taipei, vi sono perfino dei pick-up disponibili in diverse aree, cinque notti a settimana, che attraverso applicazioni sui cellulari, avvisano i residenti quando i camion dei rifiuti si trovano nelle vicinanze.

Il Taiwan ha cominciato ad attuare queste politiche efficaci sul riciclaggio, già nel 1990, in seguito a proteste per l’inquinamento industriale che ha sollevato grandi movimenti ambientalisti. Una politica dei rifiuti uniforme ed efficace, che prevede che produttori e venditori di alcuni prodotti riciclabili siano tenuti a contribuire a un fondo che supporta la raccolta e il riciclaggio. L’EPA, inoltre, paga la gente che segnala violazioni delle regole.

Wu Sheng-chung, direttore generale del dipartimento di gestione dei rifiuti dell’EPA, ha detto al ‘Wall Street Journal‘: «per far funzionare la politica, è necessario renderla più conveniente per i cittadini. Perciò, sono necessari incentivi e sanzioni».

Proprio in Taiwan, una compagnia che ha creato l’istallazione in un parco alla periferia di Keelung, nel nord del Paese, ha riprodotto uno dei più famosi quadri di Van Gogh, ‘La notte stellata‘, utilizzando quattro milioni di bottiglie di plastica riciclata.

(Video tratto dal canale Youtube: Wall Street Journal)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->