Navigazione: stampa

Non vi rendete conto che siete ridicoli?
Non vi rendete conto che siete ridicoli? Si discute, si litiga, ci si accapiglia al solo ed unico scopo di guadagnare qualche voto con i propri strilli. E agli strilli, i commentatori, la 'stampa libera e meno libera' rispondono commentando i litigi in questione
di

E intanto ‘il dotto Letta’, Segretario del PD, partecipa alle elezioni amministrative per motivi esclusivamente di sopravvivenza fisica e lo fa senza il simbolo del suo partito

Camilla, Gaia e Pietro. Selvaggina di un circo senza bussola In quella disgraziatissima serata di dicembre è mancata la percezione dell’altro. Tutti avevano una meta, che però non teneva conto di quella altrui. E' tutto qui. Proprio ciò che i mezzi di informazione si sono lasciati sfuggire
di

Nei comportamenti di quelle tre povere creature ci sono le fragilità tipiche della gioventù, ma soprattutto il limite micidiale dell’egocentrismo, l’incapacità di mettersi nel punto di vista del prossimo

Trump e il New York Times: un film inchiesta nella trincea americana ‘The Fourth Estate’ della regista Liz Garbus, presentato in anteprima al Festival dei Popoli di Firenze, narra la lotta a difesa della democrazia durante i primi 100 giorni di presidenza Trump
di

Un documentario di grandissima attualità anche alla luce dei recenti eventi che stanno contrapponendo il Presidente degli Stati Uniti e il prestigioso quotidiano e parte dei media Usa.

Turchia: là dove il pluralismo informativo non è di casa 178 testate, 16 canali televisivi, 24 stazioni radio, 63 quotidiani, 20 riviste e 30 case editrici: questo è il sistema informativo turco all’epoca di Erdogan. Ne parliamo con Alberto Negri, inviato speciale de ‘Il Sole 24 Ore’
di

C’è stato poi addirittura un caso, decisamente anomalo, di auto-censura: nel febbraio dello scorso anno un settimanale satirico, ‘Girgir’, ha deciso di chiudere i battenti per volere dei suoi stessi editori, a seguito di una vignetta definita dal portavoce di Erdogan, Ibrahim Kalin, «un fatto immorale che nulla a che fare con la libertà di stampa».