Navigazione: sciiti

Papa Francesco tra l’entusiasmo dell’Iraq e la sordina dell’Occidente Intervista a Franco Cardini che ci spiega l'atteggiamento ostile o scettico e riduttivo di tutta quella parte delle forze italiane ed europee in generale di centrodestra, abitualmente schierate a favore dell’atlantismo, per una visita importantissima per i cristiani irakeni, ma ancor più per tutto l’Islam, tanto sunnita quanto sciita
di

“E’ probabile che i servizi USA favoriscano incidenti attribuendoli poi a non meglio identificati ‘fanatici musulmani’ in lotta contro ‘l’Occidente’ ed ostacolando così un processo di pacificazione irakeno che sarebbe auspicato da irakeni stessi, siriani, iraniani e kurdi, ma non da statunitensi, sauditi e israeliani”

All’Iran sta mancando benzina nel motore del potere Le manifestazioni in Iraq e Libano dimostrano che Teheran non riesce più a controllare quella rete di influenze e di potere che lo hanno portato alla guida del Medio Oriente sciita. Le finanze che sostenevano il potere stanno venendo meno
di

Teheran e i suoi delegati, leggasi Hezbollah, il partito degli sciiti filo-iraniano non sono riusciti a tradurre le vittorie militari e politiche in una visione socioeconomica; la narrativa della resistenza iraniana non ha messo cibo sul tavolo

Raqqa e il futuro dell’area mediorientale Cosa accadrà in Medio Oriente dopo la caduta di Raqqa? Ne parliamo con il professor Massimo Campanini
di

‘Daesh è stato un fenomeno totalmente diverso da al-Qaeda ma, anche ammettendo che fosse un fenomeno consecutivo rispetto ad al-Qaeda, le cause che hanno provocato, ancora prima dell’emergere di al-Qaeda, l’emergere delle formazioni di lotta armata degli anni ’70, ’80 e ’90 del secolo scorso, sono ancora tutte sul terreno’