Navigazione: RED Tabara

Burundi: il regime HutuPower sta preparando l’offensiva A Bjumbura sono confluite armi pesanti acquisite da Russia e Francia. La Cina ha richiamato in patria gli esperti dell’informazione politica che stavano assistendo Nkurunziza
di

L’offensiva dovrebbe scattare a breve. Forti rischi di incidenti di frontiera con il Rwanda, che potrebbero scatenare una guerra tra i due Paesi gemelli. Le relazioni tra Kigali e Gitega sono sull’orlo del conflitto

Burundi: la ribellione lancia l’avviso dell’offensiva finale L'Oprazione Ibipinga (Genocidio) sembra fallita sul nascere. Le forze ribelli, guidate dal CNR, loro entità politica, ostentano sicurezza sull'esito delle annunciate offensive militari previste per dicembre
di

Prematuro annunciare la fine del regime, ma Nkurunziza è in evidente difficoltà, ora anche l’alleato Tanzania gli blocca i rifornimenti di armi. L’offensiva finale annunciata è iniziata ieri

Burundi: la strategia di Nkurunziza per sconfiggere la ribellione Repressione totale della popolazione con Stato di Emergenza non dichiarato ma di fatto attuato su tutto il territorio nazionale, annientamento del partito hutu di Agathon Rwasa (ormai riconosciuto dalle masse hutu a scapito del CNDD-FDD) e massacri mirati di tutsi. L’arma del genocidio viene tenuta di riserva
di

Il regime sta promuovendo le accuse contro il Rwanda, sospettato di aver inviato unità delle forze speciali a sostenere le offensive di Bubanza e del distretto di Mabayi. Non disponendo di alcuna prova, è impossibilitato ad agire a livello diplomatico internazionale

Burundi: l’esercito repubblicano sta abbandonando Nkurunziza I combattimenti contro i RED Tabara e il FOREBU sono ormai condotti dai mercenari FDLR e dalle milizie Imbonerakure. Attualmente le offensive sono state sospese. FDLR e Imbonerakure si stanno riorganizzando. Intanto l’Esercito non si muove
di

Non si conoscono le attività dei consiglieri militari francesi presenti in Burundi, ma la Francia potrebbe imporre una forza di pace ONU per bloccare la guerra di liberazione. Si è dimesso il rappresentante dell’area moderata del partito di governo