Navigazione: Moscopoli

Conte e gli altri ipocriti: ai limiti del colpo di Stato bananiero Il ‘premier’, solo ai banchi di Governo, in un Senato abbandonato dal principale partito di Governo, di fronte ad un tema in cui è in gioco la ‘fedeltà’ a linee politiche estere non ha nulla di più del nulla da dire
di

Gli altri, Salvini e Di Maio, non vanno in Senato, no, loro fanno monologhi via Facebook. E certamente non faranno cadere -loro, i loro parlamentari potrebbero- il Governo, che viene prima di tutto e malgrado tutto, se no dopo loro che fanno?

I poteri reali preparano l’alternativa con Conte E Salvini si sente in trappola, malgrado i sondaggi favorevoli. La vitalità politica di Conte si spiega in questa chiave: potrebbe aver dietro sostegni e consensi di potere reale
di

I vari leader politici forse non si sono resi conto di aver già logorato una corda che ciascuno cerca di tirare a suo favore. C’è chi attende solo di averne una nuova, prima di reciderla definitivamente. Non ci sarà molto da attendere

Salvini: il popolo, il Parlamento, … noi sovranisti siamo per il ‘me ne frego’ L’‘idea’ di rispetto della Costituzione e del popolo che ha Salvini e sottigliezze (si fa per dire) di sensibilità democratica e costituzionale
di

Il Parlamento è l’unico organo che rappresenta e interpreta ‘istituzionalmente’ il popolo: la famosa sovranità di cui costoro parlano sempre, e che «appartiene al popolo», espresso nel Parlamento, ma i sovranisti del Parlamento se ne fregano

Moscopoli: le inquietudini di Stati Uniti ed Europa Non è solo questione di finanziamenti illeciti, ma delicati rapporti ed equilibri internazionali. E’ questo che deve chiarire Salvini, e il suo silenzio non è rassicurante
di

Le inquietudini, le perplessità che si ‘respirano’ a Washington, Parigi, Berlino, Bruxelles sono relative a questa frase di Savoini: «Salvini è il primo uomo che vuole cambiare tutta l’Europa». Cambiare per avvicinare l’Italia e l’Europa a Mosca