Navigazione: mezzogiorno

Quel che resta della prima Repubblica La struttura portante del Paese non è mai mutata. Rotondi, Mastella: la resistenza e la resilienza di personaggi in arrivo da un altro tempo; nel Mezzogiorno, più che altrove, una generazione è sostanzialmente saltata
di

Malgrado la tanto invocata rottamazione e il susseguirsi senza soluzioni di continuità di riforme per ‘svecchiare’ il Paese, questo continua a essere dominato da una sostanziale continuità

Il ‘presentismo’ è la nostra malattia e il coronavirus ce lo insegna Ci serve un Ministero per il Futuro che ci prepari a questo evento. L’ho proposto a Conte. Non ho avuto risposta. Intervista con il Presidente Eurispes Gian Maria Fara: dal covid-19 al dopo da preparare oggi
di

“Occorre l’elaborazione di una nuova cultura del lavoro. Gli anziani per anni li abbiamo considerati una zavorra nella nostra corsa verso l’arricchimento e il successo. Oggi ci rendiamo conto di quanto quella sub-cultura fosse poco lungimirante, anzi, direi fallimentare”

‘Aree interne e marginali’: là dove il guardo non è più proiettato verso l’orizzonte Mezzogiorno (ma non solo): il Rapporto Svimez descrive una condizione peggiore di quella che trovò Carlo Levi quando ‘Cristo si è fermato a Eboli’
di

La difesa del territorio, la questione del clima, il ritorno a una economia di sistema, il recupero di una dimensione civile, passano un progetto ampio e capillare che sia in grado di riequilibrare lo stivale

Italia: Bruxelles e mercati concordano, bene il programma, ma servono i fatti La visita di Conte a von der Leyen ha suggellato la consonanza dei programmi di governo di Roma e Bruxelles: con Giacomo Barisone e Dennis Shen di Scope Ratings ecco i mercati come rispondono
di

“Gli investimenti nella digitalizzazione e nella green economy aspirano a rendere l’Italia e l’Europa più competitive, anche rispetto a partner economici come gli Stati Uniti e la Cina”, ma “la grande sfida resta la sostenibilità del debito”