Navigazione: Istituto Affari Internazionali

Xí Jìnpíng e il nuovo Impero Cinese Il crescente potere del Presidente Xí e le prospettive cinesi
di

L’aspetto che balza maggiormente agli occhi, è stato l’inserimento, nel corso del Congresso, del cosiddetto ‘Pensiero di Xí Jìnpíng del Socialismo Cinesi nella Nuova Era’ nello Statuto del PCC; il riferimento esplicito al nome di Xí, dunque, lo mette a fianco dei due principali personaggi politici della storia della Repubblica Popolare Cinese: Máo e Dèng

‘Interesse Nazionale’: cos’è veramente? Un concetto tornato alla ribalta negli ultimi tempi: ne parliamo con Gianni Bonvicini (IAI) e con l'economista Giulio Sapelli
di

Bonvicini: ‘Con la Democrazia è diventato in un concetto complesso, che si alimenta di aspetti economici, politici e culturali di un’intera società’. Sapelli: ‘Da trent’anni, in Italia è prevalso il partito che non ha Interesse Nazionale perché ritiene che l’Europa sia superiore all’Italia’

G20: gli USA corrono da soli?
di

I Grandi portano più le divisioni emerse a Taormina che non un fronte comune, anche se è possibile che su alcuni temi relativamente ‘ininteressanti’ e contingenti, come la minaccia rappresentata dalla Corea del Nord, si ricostituisca la relativamente facile e superficiale unità della lotta contro il terrorismo

Attacco Usa in Siria: cosa cambia ora?
di

‘La Russia era stata avvertita perché gli USA non volevano correre il rischio di fare vittime tra i militari russi, e di certo la Russia ha passato l’informazione ad Assad. Sembra che Trump si stia orientando verso posizioni tradizionali del partito repubblicano anche in politica estera’

Think Tank: come carriarmati del pensiero?
di

I Think Tank nascono negli Stati Uniti durante la Seconda Guerra Mondiale: “sono il luogo dove si incontrano Governi, tecnici, esperti delle grandi Università, imprese; una sorta di università senza studenti perché si fa ricerca senza avere incombenze accademiche e, soprattutto, la ricerca è rivolta a produrre proposte al servizio dell’azione di governo” (M. Diletti)