Navigazione: Giancarlo Giorgetti

Crisi di governo? No, crisi di potere in salsa isterico-leghista I piani di Salvini e quelli di Conte, un gran fracasso, ma Salvini non ha alcuna intenzione di fare cadere il Governo, non ora almeno, vuole solo tornare a controllarlo indirettamente, minacciando sfracelli ogni minuto
di

Obiettivo finale: potere e poi si va via lisci, continuando a ‘governare’ con una politica del giorno per giorno, tutta fatta di comizi, in vista delle elezioni quando faranno comodo a lui

L’ultimo grido del Commissario dell’Agenzia Spaziale Italiana Il Commissario Piero Benvenuti, un uomo che lascia il suo scettro, non senza ‘parlar franco’ al Governo, indicando il nuovo Consiglio di Amministrazione come ‘imperfetto’
di

«Le asce di guerra sono state già disotterrate», ha detto poi Piero Benvenuti, e il rischio è quanto meno che il complesso sistema di leveraggio ignori che di questo asset il Paese non ne può fare a meno

Di Maio, come spieghi ai tuoi che il Memorandum con la Cina implica la TAV? Gli stellini entrano in fibrillazione appena si parla di TAV, ma poi lo citano nel Memorandum che hanno voluto e difeso a spada tratta
di

Se e quando si capirà che c’entra anche il TAV, le elezioni saranno passate. Facendo solo attenzione che non onorare il Memorandum vorrebbe dire dichiarare la inaffidabilità del nostro Paese, che già quanto ad affidabilità non è che brilli

Silvano Casini: se l’Agenzia Spaziale Italiana non cambia la sua rotta, lascia lo spazio al palo L’Amministratore straordinario dell’ASI nel biennio 1995-1996, spiega come, con decretazione d’urgenza, provare a porre rimedio alla crisi politica del settore a pochi mesi da appuntamenti strategici
di

“Se non si corre subito ai ripari, non meravigliamoci poi se saranno molto favoriti i nostri vicini. L’Italia, con una preparazione assolutamente inadeguata, non saprà neanche come recuperare terreno”

Europa? Chissenefrega! Salvini si prepara alla spallata finale I 18 Paesi dell'Eurozona, tutti, unanimi, nessuno escluso, hanno respinto la proposta di bilancio dell'Italia, magari un dubbio lo si potrebbe coltivare. Invece no. Perfino Di Maio ha capito di essere finito in un cul de sac
di

Aspettare, attirare i grillini in un terreno infido, lasciare che si auto-logorino, e poi sferrare alla fine il colpo finale, e mietere dai pentastellati, da Forza Italia, da un ‘centro’ che non trova sbocchi. Il tutto a gennaio