Navigazione: Francesco Snoriguzzi

Commonwealth: e dopo l’era elisabettiana? Con Lucia Scaffardi (Università di Parma) analizziamo gli aspetti giuridici del Commonwealth
di

Si è discusso molto su questioni tutto sommato leggere, come ad esempio l’eventualità di un’abdicazione dell’erede diretto, Carlo, figlio della Regina, e dell’eventualità di un salto di generazione; molto meno si è parlato di una questione più seria: la successione alla guida del Commonwealth.

Pyeong-Chang 2018: diplomazia olimpica o vetrina mediatica? Con il Professor Alessandro Politi (SIOI), analizziamo le implicazioni della diplomazia sportiva delle due Coree
di

Sulle ragioni e le strategie che sono dietro la nuova diplomazia olimpica delle due coree si è molto scritto: se, da un lato, si parla ufficialmente di spirito olimpico, dall’altro, è certo che i rispettivi Governi abbiano ben valutato le possibili implicazioni politiche di questa strategia.

Libia 2018: cosa aspettarsi nell’anno delle elezioni? Con Arturo Varvelli, (Analista Senior ISPI) facciamo il punto sulla situazione attuale e sugli scenari futuri della Libia
di

‘Per avere una piena democrazia non sono sufficienti libere elezioni ma è necessaria tutta una serie di cautele e di bilanciamenti che non sono presenti attualmente in Libia: Haftar è consapevole che far deragliare il processo democratico conduce il Paese tra le sue braccia; o quanto meno questa è la sua speranza, la sua strategia’

Libano: il difficile equilibrio nella politica estera del Paese Con Rosita Di Peri, affrontiamo la questione dei rapporti tra il Libano ed i suoi vicini
di

Di Peri: “bisogna considerare che il Libano è un Paese dove le comunità contano: i rappresentanti delle diverse comunità, storicamente, hanno avuto rapporti diversi con gli attori regionali; non vedo, quindi, nessun elemento di novità nel fatto che i leader politici libanesi abbiano alleanze diversificate all’interno dello spettro regionale, mi sembra, anzi, in assoluta continuità rispetto a quanto successo in passato”