Navigazione: CUP

Catalogna: l’indipendenza disunita I tre partiti indipendentisti insieme hanno raccolto oltre il 50% dei voti, ma manca una strategia condivisa che potrebbe essere l’ostacolo insuperabile per la formazione di un nuovo governo indipendentista. Ecco perchè i partiti sono divisi
di

Una maggioranza indipendentista si potrebbe formare se si strutturasse un accordo strategico tra ERC, JXCat, con un appoggio esterno di CUP e una partecipazione di En Comù Podem

Catalogna: si scrive Tsunami Democràtic, si legge Carles Puigdemont Ecco chi c’è dietro alla piattaforma dell’ottobre di fuoco della Catalogna, gli uomini, le forze politiche, i cervelli di una infrastruttura tecnologica degna dell’inteligence di uno Stato
di

Carles Puigdemont e il leader CUP David Fernández sarebbero dietro a quello che è stato definito come il nuovo marchio dell’indipendenza. Il 26 ottobre il fuoco si potrebbe riaccendere

Catalogna: fumata nera logora ulteriormente l’indipendenza Intervista alla prof. Maria Elena Cavallaro (LUISS Guido Carli) e al prof. Jordi Pascual (Pompeu Fabra, Barcellona)
di

La risoluzione della crisi non può essere determinata da un pugno di ferro, e in questo momento Turull non rappresenta di certo una figura moderata. È auspicabile che il Governo centrale e il Governo locale tornino a dialogare, che si siedano intorno a un tavolo, e che promuovano un processo di revisione costituzionale. È solo questo il punto di partenza per risolvere la crisi

Catalogna: delle elezioni anomale Il voto di domani, 21 dicembre, fra candidati in carcere, sondaggi proibiti e partiti ‘silenti’
di

Se c’è un termine che più si adatta all’attuale contesto delle elezioni catalane, quello è sicuramente ‘anomalia’. Non sembra infatti essersi placato lo scontro fra le composite fazioni indipendentista e unionista, che, da ormai due anni, monopolizzano il discorso pubblico catalano. Ma c’è chi non li segue

Catalogna, Puigdemont-Rajoy partita tra attendisti Sembra solo una delle più classe commedie degli equivoci, invece è tutto vero e niente accade senza che abbia avuto un certo approfondimento di strategia politica
di

Sono i tempi, in questa delicata partita a scacchi tra Madrid e Barcellona, l’elemento determinante e sarà assordante ciò che accadrà in un relativo silenzio. Rajoy sa di avere un nemico invisibile perché indefinibile, ma concreto, esistente, reale: il popolo è il suo più grande avversario

Quelli che … l’indipendenza della Catalogna la vogliono Chi c’è dietro la mobilitazione per l'indipendenza della Catalogna
di

Centrali nel desiderio indipendentista le organizzazioni della società civile: Catalan National Assembly (Assemblea Nazionale Catalana – ANC) e Omnium Cultural. Finanziate da privati, si presentano come organizzazione indipendenti e hanno avuto un ruolo di primo piano nell’organizzare le grandi manifestazioni di questi ultimi anni a Barcellona.