Navigazione: crisi economica

Libano: le dimissioni di Hariri cambiano davvero qualcosa? Ciò che ha portato alla rovina il Paese è un rapporto intricato e intrecciato tra il governo, la banca centrale libanese e le banche in generale. Le dimissioni di Saad Hariri non sono una sorpresa e non cambiano la traiettoria del Paese
di

La priorità per l’élite politica libanese ora è ridurre al minimo le sue perdite economiche. Quando la perdita registrata dalle banche avrà raggiunto un livello accettabile, la formazione del governo sarà più rapida

L’inferno è in Libano Il Paese era in ginocchio almeno dal 2019, ora la situazione rischia di essere irreparabile. Se la popolazione troverà nel disastro una ragione per ricompattarsi alla sua élite politica, la possibilità di tirare fuori il Paese dalla fossa è in mano alla comunità internazionale
di

L’altra possibilità è che invece la rabbia popolare cresca, il che significherebbe il crollo del Libano. I vertici dello Stato erano a conoscenza del pericolo. Questa potrebbe essere la scintilla che fa precipitare il Paese

Coronavirus, la pandemia con gli occhi di un artista A tu per tu con Valerio Liboni, storico leader de ‘I Nuovi Angeli’: dalla musica, alla fede, al Governo, allo sport e la tv ce n’è per tutti. Passando per Conte, Di Maio, Renzi, Napolitano e il baldanzoso circo della politica
di

“Siamo innanzitutto senza Ministro degli Esteri: alla Farnesina ci ritroviamo un ex bibitaro dello Stadio San Paolo di Napoli, cosa di una comicità mostruosa”, tutti o quasi “un esercito di nani impotenti, ma senza Biancaneve”