Navigazione: civiltà

Legge Zan: non 'tollero' niente, rispetto tutti
Legge Zan: non ‘tollero’ niente, rispetto tutti Un conflitto da quattro soldi tra oscurantisti para-fascisti di destra e clericali, che si scontrano con residuati bellici di una sinistra ormai solo immaginaria
di

Tolleranza significa permettere ad uno di essere ‘diverso’. Io sono dell’opinione che la diversità non esiste: ognuno è quello che è, e io non ho il diritto di tollerare niente, ho solo il dovere di rispettare tutti, sempre e comunque

Oppressione e massacro di civiltà: da Biancaneve alla Palestina
Oppressione e massacro di civiltà: da Biancaneve alla Palestina Il divieto ovvio di insultare e aggredire qualcuno o qualche idea o comportamento, diventa divieto di 'parlare' in un certo modo di quelle cose. E ciò è diventato patrimonio del ceto dominante
di

Quando il bacio a Biancaneve o Cappuccetto rosso o Mozart sono a rischio, è la civiltà che è a rischio, e forse si comprende meglio l’indifferenza, specie dei ‘potenti’, di fronte al massacro di civiltà in Palestina, ad opera di un popolo che alla propria civiltà sembra avere abiurato

Covid-19, c’è un solo vaccino: la trasformazione radicale del modello produttivo La salute delle civiltà. Le pandemie subite dall'umanità sono spiegate, in larga misura, dai modelli socioeconomici prevalenti. Probabilmente è così anche per il Covid-19. L'unico vaccino che può salvarci è il recupero degli habitat naturali
di

E’ possibile tracciare la storia della salute globale parallelamente alla storia delle civiltà. Sappiamo anche che quando una specie prolifera troppo mette in pericolo l’equilibrio ecologico. Oggi l’umanità si trova a un bivio decisivo.

Semplificazioni in salsa Montesquieu Il ritorno di Berlusconi; l’insolenza di Chigi verso l’importante De Gregori; la perfezione veneta di Zaia-Mimì sbeffeggiata da un veneto che se ne frega e ‘manda tutti a cagare’. Un ‘quadro politico’ tanto semplificato da essere oramai evanescente
di

«Si je pouvais faire en sorte que ceux qui commandent augmentassent leurs connaissances sur ce qu’ils doivent prescrire, et que ceux qui obéissent trouvassent un nouveau plaisir à obéir…»