Navigazione: 9febbraio

In attesa che Draghi sfoderi la sua fantasia costruttiva L’uomo di successo di 73 anni, che ha dimostrato rigore, metodo e fantasia costruttiva, non dovrà preoccuparsi del ‘rumore’ di fondo di partiti e movimenti allo sbando, dovrà solo FARE. E c’è tanto da fare, un lavoro che non può durare un anno
di

Il QE non era e non è uno strumento bancario di salvataggio o roba simile: è un investimento sul futuro dell’Europa, è la base degli Stati uniti di Europa, un colpo di genio concreto. Così sarà il suo governo

Italia-ASEAN: un rapporto tutto da raccontare Intervista all'ex Premier e Accademico Enrico Letta, Presidente dell'Associazione Italia-ASEAN
di

Le relazioni tra Italia e l’ASEAN, il sesto mercato economico mondiale, finora sono stati caratterizzate da spontaneismo e poca organizzazione a monte. Dopo l’istituzione dell’Unione Europea e la strutturazione dell’ASEAN da Associazione in Unione di Stati del Sud Est Asia molte cose sono cambiate. Ne parliamo con il Presidente di una delle entità maggiormente proattive nel promuovere l’Italia nel Sud Est Asia, l’ex Premier ed Accademico Enrico Letta, Presidente della Associazione Italia-ASEAN.
[purchase_link id="268598" text="Acquisto" style="button" color="red"]

Congo: la rinuncia ‘anomala’ di Kabila tra l’affare miniere, il Belgio e il Vaticano In settimana l’annuncio di elezioni entro il 2018 senza il rais, il cambio al vertice della Chiesa cattolica congolese, la guerra con le compagine minerarie internazionali, lo scontro con il Belgio
di

Il Vaticano torna protagonista sulla scena congolese che vede le compagine minerarie sul piede di guerra contro Kabila, che intanto ha stretto l’accordo con Uganda e Rwanda per il mercato illegale dei minerali

Venezuela: petrolio, unica via di salvezza? Potrebbero le energie rinnovabili salvare il Paese da un’imminente collasso? Ne parliamo con Fabio Bassan, Professore Ordinario di Diritto Internazionale, presso il Dipartimento di Studi Aziendali all’Università Roma Tre.
di

Una grossa fetta di questa profonda crisi è certamente legata allo sfruttamento delle risorse energetiche: i vari governi hanno investito sulle esportazioni di greggio, tralasciando, ad esempi, gli investimenti  quelli sulle energie rinnovabili.