Navigazione: 8marzo

Nascite: ecco perché ‘solo gli italiani’ è una falsità L’Italia avrà bisogno di immigrati se vorrà frenare l’ulteriore processo di invecchiamento ed evitare di arrivare ad una struttura della popolazione socialmente insostenibile
di

Servono serie politiche nataliste (che vuol dire grossi investimenti) da coordinare, però, con intelligenti politiche migratorie, che vuol dire programmazione, sulla base dei dati demografici, degli ingressi necessari

Belt and Road: la Cina avvisa l’Italia e l’Europa Il memorandum d'intesa tra Italia e Cina sul progetto cinese Belt and Road scatena una polemica internazionale, alla base le divisioni all’interno del governo giallo-verde su come approcciare la Cina
di

“L’Europa non dovrebbe lasciare che gli Stati Uniti violino le sue politiche in Cina”. “L’Italia è un Paese indipendente e auspichiamo che possiate attenervi alla decisione”: parola di Pechino

TAV: il furbastro Di Maio in difficoltà, l’astuto Salvini non sta bene, avanti al Conte carambolaio I due si stanno scazzottando e rischiano grosso entrambi, così la scena potrebbe essere tutta per il giocatore di biliardo, avvezzo a giocare carambole con tante sponde
di

Salvini questa battaglia non la può perdere, ma se gli stellini mantengono il punto e lasciano cadere il Governo gli resterebbe solo Berlusconi; Di Maio ha creato la condizione per poter dire che Salvini è il responsabile della crisi, da irresponsabile come Di Maio

Sul femminismo e l’ Islam Viaggio a fianco delle donne musulmane che combattono l’islamofobia e il sessismo.
di

In occidente il dibattito sull’Islam e la questione di genere è piuttosto confuso e frammentato. Spesso si generalizza e semplifica il ruolo della donna all’interno delle comunità musulmane nella subalternità dalle figure maschili. una donna musulmana profondamente differente dall’immagine che ne abbiamo noi Europei. Meno subalterna, più emancipata e cosciente delle proprie potenzialità e che porta avanti istanze e rivendicazioni anche organizzate e collettive e combatte gli stereotipi occidentali e riscrive l’interpretazione maschilista del Corano.
[purchase_link id="268567" text="Acquisto" style="button" color="red"]

Dazi, Trump prova a calmare gli ‘amici’. Ma in 11 sono pronti allo scontro Le forze turche e le milizie arabo-siriane alleate di Ankara hanno preso oggi il controllo di una località chiave nell'enclave curdo-siriana di Afrin
di

Caso Skripal, la May: ‘Se verrà provato che si tratta di un fatto sponsorizzato da uno Stato faremo ciò che è appropriato, ciò che è giusto’. Una sorella del leader dell’Isis, Abu Bakr al Baghdadi, è stata condannata a morte per impiccagione dalla Corte centrale criminale di Baghdad

Ecco come risponde la Cina ai dazi americani I dazi sulle importazioni imposti dagli USA, potrebbero scatenare una guerra commerciale tra le due maggiori potenze economiche globali, ne parliamo con Ross Feingold, analista e consulente politico di Taipei
di

La decisione del Presidente americano Donald Trump di introdurre dazi del 25% sulle importazioni di acciaio e del 10% su quelle di alluminio, ha suscitato non poche critiche a livello internazionale, dal Canada, alla Corea del Sud, al Messico alla Francia.

Intesa Parigi-Roma: alba di una cooperazione rafforzata? Il nuovo impulso a un rapporto d’eccezione. I nuovi dossier di politica comune e uno strumento inedito di intesa bilaterale. Intervista a Jean Pierre Darnis, Consigliere scientifico dell’Istituto Affari Internazionali (IAI) e Professore all’Università di Nizza Sophia-Antipolis
di

Il 2017 è stato un anno di particolare tensione nei rapporti tra Francia e Italia: dagli attriti nel settore industriale navale (relativi alla scelta fatta dal Presidente Emmanuel Macron, lo scorso luglio, di nazionalizzare i cantieri di Saint-Nazaire), che hanno preceduto l’intesa di settembre sul controllo ‘temperato’ di Stx France da parte di Fincantieri, al vertice del 25 luglio all’Eliseo con i due principali leader libici

Tradizione o illegalità? Le pratiche culturali che abusano ragazze e bambini L’Afghanistan e il Kirghizistan portano avanti pratiche socialmente accettate dove ragazzi costretti a vestirsi da donne vengono abusati e donne sotto i 18 anni sono rapite per strade per essere forzate a sposarsi
di

L’Asia risulta infatti tra i continenti con la maggior discrepanza di distribuzione tra i due sessi. E mentre il progresso della donna nella società è chiaramente rallentato, quasi soppresso dal persistere di vecchie tradizioni, a farne le spese non è solo l’emancipazione femminile.