Navigazione: 7dicembre

‘Commercio per tutti’? L’Italia come attore dell’ Europa Globale Gestire la globalizzazione in ambito unitario. Una sfida per l’Italia, oltre l’approccio intergovernativo. Intervista a Luciano Monti, Docente di Politiche dell’UE alla LUISS di Roma e Condirettore Scientifico della Fondazione Bruno Visentini
di

Ripresa economica, crescita, occupazione e sviluppo sostenibile: sono gli obiettivi primari della Strategia Europa 2020, definita al termine del ciclo decennale della Strategia di Lisbona, con un’attenzione particolare alla dimensione sociale nella quale tali obiettivi dovrebbero convergere. In questo quadro strategico si colloca anche una nuova politica commerciale che coinvolge i 28 Paesi dell’ eurozona.

Spietato controllo delle milizie, sofferenza di massa: benvenuti nella Libia post-guerra NATO Intervista esclusiva con Linda Ulstein, portavoce delle tribù libiche: le colpe dell'Occidente, l'orrore di oggi nella Libia degli occidentali
di

“…la situazione nelle prigioni in Libia è veramente orribile. Torture, atrocità, uccisioni e stupri… l’Occidente vuole nascondere il fatto che siano stati proprio loro gli artefici di questo crimine contro il popolo libico e della demolizione della sovranità libica”

Israele – Palestina: scoppia la nuova Intifada L' intervista con Andrea Dessì (IAI)
di

Ieri sera, alle 19 ora italiana, il Presidente statunitense Donald Trump ha annunciato ufficialmente lo spostamento della sede dell’ ambasciata americana da Tel Aviv a Gerusalemme.A 30 anni dall’ inizio della Prima Intifada, il 9 dicembre 1987, ‘la rivolta delle pietre’, «facciamo appello affinché domani 8 dicembre sia il giorno in cui si scatenino la collera e la intifada palestinese contro la occupazione a Gerusalemme e nella Cisgiordania» ha detto Haniyeh.

Time: ‘Silence Breakers’ scelte come ‘persona dell’anno’ 2017 La rivista americana ha assegnato il riconoscimento alle donne che hanno denunciato le molestie e le violenze
di

La rivista americana “Time” ha scelto le “Silence Breakers”,  ossia le donne che “hanno rotto il silenzio” e hanno denunciato le molestie sessuali come la “person of the year”, la persona dell’anno 2017. In questo caso, si tratta di un intero movimento: quello esemplificato nell’ hashtag #metoo, “una sorta di resa dei conti collettiva: nata però come atto di coraggio individuale”.